Covid: 8 milioni di casi nel mondo, a Pechino situazione “estremamente grave”

Incrementi record di contagi in Texas, Arizona, California e Florida. In India ricoverato con sintomi Covid il ministro della salute. L'Austria riapre agli italiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00
Pechino, in Cina

Il numero ufficiale di contagi da nuovo coronavirus ha superato nel mondo gli 8 milioni di casi, mentre i decessi sono 437 mila. E’ quanto risulta dai conteggi della Johns Hopkins University di Boston, che dall’inizio della pandemia aggiorna una mappa con tutte le comunicazioni ufficiali. Al primo posto ci sono gli Stati Uniti con 2,1 milioni di casi e 116 mila morti e al secondo il Brasile con 888 mila contagi e 44 mila morti. Nello specifico, rendono noto le autorità brasiliane, ieri ci sono stati altri 627 morti mentre il totale dei casi è salito a 888.271.

Cina, a Pechino situazione “estremamente grave”

A Pechino (in Cina) sono stati registrati 27 nuovi contagi da coronavirus. Salgono così a 106 il numero dei casi degli ultimi giorni, tanto da far parlare le autorità cinesi di situazione “estremamente grave”. In un incontro con i giornalisti, il portavoce della municipalità della capitale cinese, Xu Hejian, ha detto che Pechino è impegnata “in una lotta contro il tempo” per fermare il contagio, attraverso “le misure più strette, decisive e determinate”. Per fermare il dilagare delle infezioni, sia il mercato di Xinfadi – focolaio dei contagi – sia altri quattro mercati sono stati chiusi e 28 aree residenziali sono state poste in quarantena.

Virus, in Usa 385 i morti nelle 24 ore

Negli Stati Uniti si sono registrati altri 385 decessi nelle 24 ore a causa della pandemia. E’ il secondo giorno consecutivo che il numero dei morti nel Paese resta sotto quota 400. E’ quanto si apprende dal bollettino della Johns Hopkins University. Ieri erano stati registrati 382 decessi. Il numero complessivo delle vittime dall’inizio dell’emergenza è salito a 116.114. I casi di contagio da Covid-19 sono 2,1 milioni. L’aumento giornaliero dei casi resta intorno ai 20.000. L’aumento di casi di coronavirus n alcuni Stati Usa sta alimentando la possibilità di nuovi lockdown. Nel weekend non stati registrati incrementi record di contagi in Texas, Arizona, California e Florida. Il sindaco di Austin, capitale del Texas, Steve Adler, ha esteso fino al 15 agosto l’ordine di stare a casa per l’aumento del numero dei ricoveri. Lunedì in Texas almeno 2.326 persone sono state  ricoverate con il Covid-19.

India, ricoverato con sintomi Covid ministro salute Delhi

Il ministro della Salute della capitale dell’India, Delhi, è stato ricoverato con sintomi da Covid-19. Lo stesso Satyendar Jain ha scritto sul suo profilo Twitter del suo ricovero, “visto l’elevato livello di febbre e un improvviso calo dei miei livelli di ossigeno nel sangue, sono stato ricoverato all’ospedale Rajiv Gandhi. Vi terrò aggiornati”. Anche nelle ultime 24 ore si sono registrati in India più di 10 mila nuovi casi ufficiali di Covid-19 portando il totale, che tutti considerano sottostimato per il paese da 1,3 miliardi di abitanti, a 343 mila contagi e 9.900 decessi. Cifre però, come racconta una testimone a In Terris, di molto sottostimate soprattutto tra gli “intoccabili” e le caste più povere: ecco perché.

Austria riapre frontiere, via libera a viaggi in Italia

L’Austria ha abolito i controlli sanitari alle frontiere con l’Italia. Dopo oltre tre mesi di forti limitazioni, da mezzanotte sono nuovamente possibili i viaggi e la libera circolazione delle persone tra i due Stati, quindi anche con le altre Nazioni del centro e nord Europa. Il governo di Vienna tiene valido l”avviso di viaggio’ emesso per chi si reca in Lombardia, la regione italiana più colpita dalla pandemia di coronavirus.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.