Covid-19, perquisizioni della Guardia di Finanza al Trivulzio

Sono una dozzina le strutture al centro delle indagini per epidemia colposa ed omicidio colposo plurimo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:11
Il Pio Albergo Trivulzio, a Milano

La Guardia di finanza di Milano sta effettuando delle perquisizioni nelle sedi del Pio Albergo Trivulzio nell’ambito dell’inchiesta aperta dalla Procura. La notizia è stata diffusa dall’Ansa. La squadra di polizia giudiziaria, guidata da Maurizio Ghezzi, del dipartimento coordinato dall’aggiunto Tiziana Siciliano, sta effettuando perquisizioni e acquisendo documentazione anche in altre Rsa come la Sacra Famiglia di Cesano Boscone e una residenza a Settimo Milanese.

I blitz

I blitz in corso stamani servono, da quanto si è saputo, ad acquisire cartelle cliniche degli ospiti morti nelle case di riposo, ma anche altri documenti, come protocolli e direttive interne dei vertici e pure eventuali scambi di informazioni tra le strutture e l’amministrazione regionale, che ha compiti di sorveglianza sulle Rsa. Le attività degli investigatori potrebbero riguardare oggi anche altre residenze. Sono una dozzina in tutto, infatti, quelle al centro delle indagini per epidemia colposa ed omicidio colposo plurimo. Centinaia gli anziani morti nelle strutture dall’inizio dell’epidemia. Si indaga su eventuali carenze e omissioni nella gestione degli ospiti, come l’assenza di mascherine, ma anche, tra i vari fronti, anche sulla “commistione” nelle strutture tra pazienti dimessi dagli ospedali ed anziani.

Le indagini

Il Pio Albergo Trivulzio conta il momento il maggior numero di decessi tra le varie Rsa milanesi, anche perché è la più grande (quasi 150 morti su un totale di circa 1200 persone, tra ospiti e pazienti). Nell’inchiesta per epidemia colposa e omicidio colposo è indagato il dg Giuseppe Calicchio ed è iscritto anche lo stesso istituto per la legge sulla responsabilità amministrativa degli enti. E’ probabile che le indagini si allarghino anche ad altri responsabili del Pat, mentre Calicchio, già sentito nei giorni scorsi in videoconferenza dagli ispettori del Ministero della Salute, si è difeso spiegando di aver seguito regole e protocolli, anche regionali e ministeriali. Sia in questo fascicolo, che negli altri sulle Rsa milanesi, gli inquirenti, con gli investigatori del Nas dei carabinieri e della Gdf, dovranno lavorare su più fronti: dalle analisi sulle centinaia di morti per sospetto Covid fino all’assenza di tamponi e di mascherine e alle presunte minacce agli infermieri che le utilizzavano. E ancora le eventuali omissioni nei referti e nelle cure fornite e la presunta “commistione” tra anziani e pazienti dimessi dagli ospedali e infine il ruolo dell’amministrazione regionale nella predisposizione di linee guida e piani pandemici. Per il caso del Don Gnocchi (l’istituto ha parlato di “infondatezza delle accuse”) ci sono già 4 indagati (il numero di morti è simile a quello del Pat).

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.