Coronavirus: Regioni, ecco le ordinanze “anti-struscio”

Ministro Boccia: "A Natale solo con i tuoi". Intanto partono le ordinanze di Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:29
ordinanze

“A Natale sarà meglio stare solo in compagnia del “nucleo familiare più stretto”, come misura anti-Covid . Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia a L’Aria che Tira su La7.

Una proposta che trova d’accordo l’infettivologo Massimo Galli. “Il punto è questo – ha spiegato Galli a Sky – abbiamo fatto il lockdown a marzo fino a maggio, avevamo ottenuto in gran parte d’Italia l’annullamento della presenza del virus, abbiamo fatto un’estate come quella che abbiamo fatto e il Ferragosto è diventato un elemento di grande amplificazione dell’epidemia. Natale e Capodanno sono grandi feste, se le affrontiamo con lo stesso spirito di Ferragosto non ne usciamo più, se chiudiamo tutto ora e riapriamo a Natale è evidente che comunque la riapertura non sarà quella che può consentire alle persone di andare a cenoni e veglioni. É necessario purtroppo che gli italiani abbiano quelle cautele che impediscono al virus di circolare. Dovremo abituarci all’idea che al sacrificio non può seguire il “liberi tutti” fino a che il vaccino non risolverà il problema”.

Intanto le tre regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna hanno messo a punto le loro ordinanze anti-Covid che i presidenti Zaia, Fedriga e Bonaccini hanno illustrato.

Le norme per il Veneto

Da oggi al 3 dicembre in Veneto non è permesso passeggiare nelle strade e nelle piazze dei centri storici delle città e nelle aree affollate. Lo prevede l’ordinanza illustrata dal presidente Luca Zaia. “Niente “vasca”, niente struscio, non si affolla la spiaggia”. Nei giorni prefestivi in Veneto sono chiuse le grandi e medie strutture di vendita, sia a esercizio unico che con più negozi, compresi i parchi commerciali (Outlet). Restano aperti solo gli alimentari, farmacie e parafarmacie, tabaccherie ed edicole. Nei giorni festivi è vietato ogni tipo di vendita anche dei negozi di vicinato, ad eccezione delle medesime categorie. Saranno sospese nelle scuole primarie e secondarie del secondo ciclo, in Veneto, le lezioni di educazione fisica, canto e strumenti a fiato. É reso obbligatorio in Veneto “l’uso corretto della mascherina” al di fuori della propria abitazione al di fuori dei bambini sotto i 6 anni, chi compie attività sportiva intensa, disabili e assistenti. Nel caso ci si debba abbassare per assumere cibo o fumare, dovrà essere assicurata la distanza di un metro. L’uso della mascherina sarà obbligatorio nei mezzi di trasporto pubblici, e in quelli privati se non ci sono conviventi.

Nei negozi potrà entrare una persona per nucleo familiare, salvo per accompagnare soggetti con difficoltà o minori di 14 anni. Nei centri commerciali e nei supermercati l’ordinanza indica di favorire l’accesso degli anziani oltre i 65 anni nelle prime due ore di apertura. Il mercato all’aperto è vietato se non nei Comuni in cui i sindaci abbiano approntato un piano che preveda la perimetrazione dell’area all’aperto, un unico varco di accesso e uno di uscita, ci sia una sorveglianza che verifichi le distanze, l’assembramento e il controllo dell’accesso.

Le ordinanze per il Friuli Venezia Giulia

“Si garantisce sotto forma di raccomandazione l’accesso agli esercizi commerciali di grandi e medie strutture di vendita nelle prime due ore della giornata agli anziani”. É una delle misure introdotta nella nuova ordinanza anti covid per il Friuli Venezia Giulia, spiegata dal presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga. “Non è che un over 65 non può andare a fare acquisti in orari diversi – ha puntualizzato Fedriga – ma cerchiamo di garantire delle fasce protette. Non è una limitazione, ma una raccomandazione che facciamo agli esercizi di organizzarsi e favorire l’ingresso riservato nelle prime due ore di apertura degli esercizi”. La misura riguarda le attività di grandi dimensioni, “non parliamo dei negozi di vicinato”. Sulla base delle “indicazioni che abbiamo a oggi, comunque, abbiamo una diminuzione dell’Rt in Friuli Venezia Giulia”, affermato Fedriga, durante una videoconferenza convocata per presentare la nuova ordinanza con misure più stringenti anti covid. Fedriga ha precisato di avere alcune notizie a riguardo, ma di essere in attesa di dati definitivi.

Per l’Emilia Romagna, invece, tra i punti principali dell’ordinanza messa a punto dalla regione Emilia Romagna c’è la chiusura dei negozi la domenica.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.