Coronavirus: perché l’Istituto Superiore della Sanità sconsiglia l’uso di alcol in quarantena

Le fake news e l'allarme lanciato dall'University of Portsmouth

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:41
L’Istituto Superiore della Sanità pubblica un approfondimento su “Assunzione di bevande alcoliche e Covid-19” per spiegare i rischi che si corrono in questo periodo con l’abuso che si può fare dell’alcol: “Il consumo di alcol non protegge in alcun modo dal Covid-19”. Al contrario, abusarne aumenta il rischio di infezione perché “danneggia tutti i componenti del sistema immunitario”. Inoltre, il consumo eccessivo in quarantena è particolarmente sconsigliato, perché può portare a sviluppare dipendenza ed è “strettamente associato al rischio di violenza, in particolare violenza nei confronti del proprio partner”. L’Iss passa così in rassegnale le principali notizie false su alcol e coronavirus, come quella in base alla quale un consumo pesante ucciderebbe il virus nell’aria inalata. In realtà “non disinfetta la bocca e la gola, e non dà alcun tipo di protezione”. L’alcol (a concentrazione di almeno il 60%) “funziona come disinfettante della cute, ma non ha tale effetto quando ingerito nell’organismo”.

Le fake news

Si sostiene che birra, vino e distillati stimolino l’immunità al virus ma è solo una delle tante fake news che circolano sui siti, la verità sta nell’esatto opposto. “L’alcol – spiegano gli esperti – aumenta il rischio di infezioni virali, inclusa quella da Sars-Cov-2, per diversi motivi, in primo luogo perché causa una riduzione del numero e delle funzioni dei linfociti B, le cellule immunitarie, che difendono l’organismo. Inoltre, l’alcol è un potenziale fattore di rischio per la polmonite anche attraverso altri meccanismi: ‘riduce il tono orofaringeo’, aumentando il rischio di introdurre microbi nell’organismo, e ‘modifica la funzione dei macrofagi alveolari’, deputati a ripulire gli alveoli polmonari da polvere e patogeni”.

L’allarme della University of Portsmouth

L’uso dannoso di bevande alcoliche durante il lock down preoccupa gli esperti anche per un altro motivo, di tipo sociale: in quarantena potrebbe esser collegato, infatti, a “una potenziale crisi della salute pubblica”, come messo in luce dall’articolo pubblicato su The Lancet Public Health. “Questo periodo di isolamento potrebbe portare a un picco di abuso di alcol, con ricadute in persone con problemi di dipendenza e potenziale sviluppo disturbi legati all’uso”. I governi, concludono i ricercatori della University of Portsmouth, in Inghilterra, “dovrebbero dare avvertenze di sanità pubblica sui rischi dell’eccessivo consumo durante l’isolamento, per proteggere le persone vulnerabili”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.