Coronavirus Italia: 1589 positivi e 101.773 tamponi effettuati.

Il TAR respinge la sospensiva chiesta dai Ministri Azzolina e Speranza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:08
Fonte: Ministero della Salute

Oggi, in Italia, il numero dei contagi è aumentato lievemente: 1589. Gli attualmente positivi sono 41.413. 35.658 è il numero delle vittime in totale. I casi totali sono 293.025. I guariti 215.954. 212 sono i ricoverati in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 38.853. I pazienti ricoverati con sintomi ammontano a 2.348. Il totale dei casi testati è pari a 6.127.243. I tamponi effettuati oggi sono 101.773, per un totale di 10.146.324.

La situazione regionale

La regione in testa alla classifica per maggior numero di positivi registrati è la Lombardia con 281. Segue la Campania con 195 positivi e il Lazio 181. La Toscana ha 119 casi mentre l’ Emilia -Romagna 110. 109 sono le persone positive in Veneto. Nelle note del Bollettino del Ministero della Salute emerge che la Sicilia comunica che dei 96 nuovi casi positivi di oggi, 2 sono migranti ospiti dell’hotspot di Lampedusa. Sempre dalle note emerge che la Calabria comunica che dei 16 nuovi casi, 3 sono migranti.

Il Tar respinge la sospensiva dei Ministri

È stata respinta dal TAR la richiesta di sospensiva d’urgenza, chiesta dai Ministri Azzolina e Speranza, della delibera del governatore Alberto Cirio. La delibera è volta ad imporre alle scuole piemontesi di misurare la temperatura degli studenti all’inizio delle lezioni. Ciò è stato appreso dall’ANSA da ambienti della Regione Piemonte.

Per il momento, le scuole continueranno dunque a misurare la febbre agli studenti, in Piemonte, almeno fino al 14 ottobre, quando la causa verrà discussa in Camera di Consiglio. La decisione del Tribunale amministrativo si basa sul fatto che l’ordinanza regionale non sovverte quanto stabilito dallo Stato, ma lo integra. Sempre per i giudici amministrativi, inoltre, il rischio sanitario era comunque tale da giustificare provvedimenti straordinari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.