Corea del Nord, ex consigliere di Seul: “Kim in coma”

La notizia è stata riportata dal Korea Herald che cita un ex consigliere di Seul. Al momento non ci sono riscontri ufficiali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:34

Il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un sarebbe in coma. Lo riporta il Korea Herald, un quotidiano di Seul, che cita Chang Song-min, uno dei collaboratori dell’ex presidente Kim Dae-jung, il principale fautore del disgelo dei rapporti con Pyongyang con la “sunshine policy”.

La prova che Kim Jong-un sarebbe in coma, secondo il quotidiano sudcoreano, sarebbe il fatto che alcuni dei poteri sono passati a Kim Yo-jong, sorella del leader nordcoreano. Ipotesi che al momento però non ha riscontri ufficiali.

Cosa starebbe succedendo

Chang ha detto di essere convinto che Kim sia “in coma, ma che non sia ancora morto: la successione non è stata ancora completata, quindi Kim Yo-jong viene portata alla ribalta perché non ci può essere un vuoto di potere prolungato”. Nell’incontro a porte chiuse in parlamento tenuto venerdì, il Nis, l’intelligence di Seul, aveva fatto sapere che il passaggio di alcuni poteri dal leader alla sorella era stato deciso per “alleviarne lo stress”.

Kim Yo-jong, primo vicedirettore del dipartimento del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori, è ora a capo “degli affari generali dello Stato sulla base della delega” affidatagli, secondo la Yonhap. Il Nis aveva rimarcato che l’iniziativa non risultava però essere legata alla salute del leader supremo. Chang, precisando di aver ottenuto le informazioni in Cina, ha aggiunto che “nessun leader nordcoreano affiderebbe alcuno dei suoi poteri a un’altra persona a meno che non sia troppo malato per governare o non sia stato rimosso con un colpo di stato”.

I timori sulla salute di Kim Jong-un

I timori sulle condizioni di salute precaria di Kim sono ricorrenti: ad aprile, ad esempio, si erano sparse voci su un intervento chirurgico d’urgenza per problemi cardiaci che avevano messo a rischio la sua vita, tanto che erano circolate speculazioni sul suo decesso. Il leader, invece, ricomparve nei media nordcoreani a causa dell’inaugurazione del primo maggio di un nuovo impianto di fertilizzanti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.