Conte: “Lavoriamo sul dl semplificazioni. Sarà pronto la prossima settimana”

Il discorso del premier ha aperto la penultima serie di incontri "Progettiamo il futuro"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:27
conte

Si è aperta a villa Pamphilj la penultima serie di incontri “Progettiamo il Rilancio”, con un intervento del premier Giuseppe Conte. Al tavolo si sono seduti i rappresentanti istituzionali delle maggiori aziende partecipate dello Stato e i ministri Roberto Gualtieri, Stefano Patuanelli, Sergio Costa e Peppe Provenzano. Partecipano alla mattinata d lavori degli stati generali dell’economia Cassa depositi e prestiti, Terna, Snam, Fincantieri, Leonardo, Enel, Eni, Invitalia, Poste Italiane e Ferrovie dello Stato.

Le dichiarazioni di Conte

“Assegniamo grande importanza al Decreto semplificazioni, sul quale stiamo continuando a lavorare anche in questi giorni, per cui confido che saremo pronti già la settimana prossima: ci serve un provvedimento mirato per intervenire su alcuni snodi, per quanto sappiamo che un solo provvedimento normativo non possa risolvere il problema atavico di una ‘incrostazione’ burocratica”, ha detto il premier Conte aprendo la sessione degli Stati generali con le società partecipate. “Nei prossimi giorni potrete far pervenire degli appunti scritti, anche in termini di nuovi progetti da noi non individuati; osservazioni puntuali sui progetti sui quali vi sentite più coinvolti. Confidiamo già la settimana prossima di rivedere il programma e provare a chiuderlo. Faremo un confronto con le forze politiche di opposizione, dopodiché avremo la bozza di piano di rilancio a cui lavorare alacremente nelle prossime settimane”, ha affermato.

Recovery Plan a settembre

Presenteremo il Recovery Plan a settembre. L’ho ribadito anche ieri al Consiglio europeo. Il fatto che l’Italia, anziché come spesso accaduto in passato, sia stato il primo Paese in Ue a predisporsi a questo rilancio è un valore aggiunto. Ci viene riconosciuta la possibilità di recuperare un gap. Abbiamo una grande responsabilità oggi, ma anche rispetto ai nostri figli e nipoti. Sta a noi tramutare la sofferenza di questo periodo in opportunità: e vogliamo farlo con voi”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte aprendo il confronto con le società partecipate agli stati generali dell’economia. “Qui non è solo questione di intervenire sui Paesi e le zone più colpite, ma predisporre sostegni economici in forma di grants and loans per quei Paesi che per fisionomia e struttura, capacità di spesa negli anni, hanno minore reazione, minore resilienza. Noi siamo tra quelli”, aggiunge.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.