Colombia: quattro giovani uccisi in circostanze misteriose

Ieri, i cadaveri di 4 persone sono stati ritrovati nella zona rurale del municipio di Buesaco, in Colombia, alla frontiera con l'Ecuador

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:15
Polizia colombiana

La Colombia è nuovamente teatro di un massacro di civili. Ieri, i cadaveri di quattro persone sono stati ritrovati nella zona rurale del municipio di Buesaco, nel dipartimento di Narino alla frontiera con l’Ecuador.

L’assessore agli Interni del dipartimento, Francisco Cerón, ha confermato l’accaduto. Ha poi spiegato che il luogo dove i quattro ragazzi sono stati uccisi è di “difficile accesso” e “abbastanza distante dall’agglomerato urbano di Buesaco”, per cui “le condizioni per poter giungere al luogo dove si trovano i corpi non sono facili”.

Cerón ha anche ammesso di non avere a disposizione elementi per definire cosa sia realmente successo e soprattutto chi siano i responsabili del massacro.

Il precedente

La Colombia è una delle Nazioni con più omicidi al mondo. In agosto, in una recrudescenza di violenza tra bande di narcotrafficanti, sono avvenuti quattro massacri nei quali sono morti 20 giovani e bambini in diverse zone del Paese. Le autorità hanno arrestato varie persone sospette, ma senza poter stabilire l’esistenza di un denominatore comune fra i diversi episodi.

Coronavirus

Lo scorso 27 luglio i guerriglieri hanno attaccato a mano armata la nave-ospedale San Raffaele.  Era nel porto di Buenaventura, cittadina nel dipartimento colombiano del Valle del Cauca, in attesa di partire per le missioni che in questi mesi sono state concentrate nella lotta alla pandemia da coronavirus. La Colombia, secondo la Johns Hopkins, è la quinta Nazione con più casi positivi al Covid-19 al mondo. Gli infettati sono oltre 641mila, i decessi accertati (ad oggi) 20.888.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.