Case vacanza gratis in Molise, chiamate da tutto il mondo

Stefano Trotta, responsabile dell'iniziativa "Noi prototipo aree interne, ridiamo vita a immobili vuoti"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:02
san vincenzo al volturno
‘Vieni in vacanza in Molise, ti diamo la casa gratis’, una vera provocazione che in neanche 24 ore ha fatto scoppiare tra le mani degli amministratori di San Giovanni e dei dirigenti dell’associazione ‘Amici del Morrutto’ un inaspettato successo. Per chi è proposto questo ‘bando free turistico’? Per chi non è molisano, per chi non ha parenti molisani e per chi non ha nessuna proprietà immobiliare in Molise. Per chi vuole innamorarsi del Molise.

Richieste da varie parti del mondo

Telefonate da Irlanda, Francia, Spagna, Polonia, Ucraina, prenotazioni da Trieste, Ragusa, Genova, Bologna ecc. Quaranta soggiorni nelle case gratuite del borgo, da sabato a sabato, silenzio, aria pulita, virus free, cibi strepitosi – tipo la frecassea, un trionfo di carni di gallinella in brodo, coratella e agnello, formaggio, tutto infilato al forno – campagna infinita e un nome, il Molise, in grande rimonta.

La presentazione dell’iniziativa

L’iniziativa è stata presentata oggi e lo stupore di Stefano Trotta, presidente dell’associazione, era palese. “Ci stanno chiamando giornali e tv, qualcuno voleva già venire ma l’iniziativa partirà dal prossimo 4 luglio – spiega Trotta -. Nel centro storico di San Giovanni abbiamo 440 immobili e solo 12 famiglie residenti. Il vero patrimonio turistico del Molise è la sua enorme dotazione di immobili da sfruttare, pronti. Ad agosto ripartirà il nostro ben conosciuto Jazz Festival nel centro storico, il Morrutto, alla 16/a edizione, e dimostrazione pratica nelle aziende enograstronomiche del posto su come si fanno i prodotti, formaggi, pasta, pane, salumi”. Quello del Morrutto è un progetto pilota: oggi erano presenti sindaci di altri comuni che vogliono partecipare al progetto emettere gli immobili dei loro centri storici a disposizione del turismo lento e di qualità.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.