Biden: “Una minaccia alla democrazia Usa senza precedenti”

Per il presidente eletto Trump deve andare in tv a chiedere la fine dell'assedio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:52

“L’America è molto meglio di quello che stiamo vedendo oggi”. Con questo tweet Biden prova a risollevare le sorti di un Paese che sta vivendo quello che è stato definito un vero e proprio attacco alla democrazia.


La richiesta di Biden

Il neo presidente eletto successivamente agli attacchi di Capitol Hill ha chiesto a Donald Trump di andare in tv e chiedere la fine dell’assedio al Congresso. “Le parole di un presidente contano: nel caso migliore ispirano. Nel caso peggiore istigano – aggiunge Biden -. Il presidente Donald Trump si faccia avanti,vada in tv e fermi questo assedio“. Così il presidente eletto Joe Biden commentando l’insurrezione dei sostenitori di Trump a Capitol Hill contro la certificazione della sua vittoria alle elezioni. Biden denuncia “un attacco senza precedenti alla democrazia”. “Le scene di caos al Capitol non rappresentano chi siamo – avverte il presidente eletto – non rappresentano l’America ma solo un piccolo gruppo di estremisti. La nostra democrazia è sotto un assalto e una minaccia senza precedenti”.


Il messaggio di Trump

Capisco il vostro dolore, so che state male, abbiamo avuto un’elezione che ci è stata rubata. Tutti lo sanno, soprattutto l’altra parte, ma ora dovete andare a casa. Serve pace. Serve legge e ordine”. É l’appello in un video pubblicato sui social dal presidente Donald Trump ai sostenitori che hanno fatto irrruzione al Congresso per impedire la certificazione della vitttoria di Joe Biden. “Dobbiamo avere pace, ordine, legalità e rispettare” gli agenti, aggiunge Trump. “Non vogliamo che nessuno venga ferito. É un periodo difficile: questa è stata un’elezione fraudolenta ma c’è bisogno di pace. Andate a casa, siete speciali, vedremo cosa accade”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.