Osservate le primissime fasi della formazione di un embrione umano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:30

Osservate per la prima volta le primissime fasi della formazione di un embrione umano in dettaglio. Il nuovo traguardo è stato possibile grazie alla Crispr-Cas9, la tecnica che taglia-incolla il Dna. “Comincia un'era nuova”, ha osservato il genetista Edoardo Boncinelli commentando il risultato, pubblicato sulla rivista Nature e nato dalla collaborazione fra gli istituti britannici “Francis Crick” e Wellcome Trust.

I geni della vita

In odore di Nobel, la tecnica messa a punto da Emmanuelle Charpentier e Jennifer Doudna ha segnato un altro record. Applicata all'analisi dell'embrione umano, ha permesso di individuare il ruolo di uno dei geni registi dello sviluppo, chiamato Oct4. “E' un gene noto da 30 anni, ma solo adesso – ha rilevato Boncinelli – sappiamo quanto sia importante per lo sviluppo e che, se non funziona a dovere, non si nasce”. Sono almeno 20 i geni-registi che controllano lo sviluppo dell'embrione e il prossimo obiettivo della ricerca adesso “è conoscerli tutti”.

“A dispetto della loro importanza biologica e clinica – scrivono i ricercatori – i meccanismi molecolari che regolano il destino delle cellule nell'embrione umano non sono ben compresi”. Adesso non sarà più così e per Boncinelli “è facile immaginare che in futuro la nuova strada appena aperta sarà molto battuta: potremmo imparare cose che non abbiamo mai immaginato”. Per esempio, “si potrà arrivare a costruire un embrione a partire da zero, naturalmente per scopi di ricerca”.

Embrioni ottenuti in questo modo non saranno tanto una fonte per ottenere riserve di cellule staminali, quanto laboratori per imparare a “indirizzare un processo in una direzione piuttosto che in un'altra”. Riuscire a far questo, ha osservato, “è importantissimo per ottenere, in futuro, organi in laboratorio”. Fonte Ansa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.