Arrivano a quota 1229 i positivi al coronavirus in Italia. 2222 i ricoverati con sintomi

5,9 milioni di download per l’ app Immuni.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:16
Fonte: Ministero della Salute

Oggi, in Italia, il numero dei contagi è pari a 1229. Gli attualmente positivi sono 39.712. 35.633 è il numero delle vittime in totale. I casi totali sono 289.990. I guariti 214.645. 201 sono i ricoverati in terapia intensiva.  Le persone in isolamento domiciliare sono 37.289. I pazienti ricoverati con sintomi ammontano a 2.222. Il totale dei casi testati è pari a 6.006.675. I tamponi effettuati oggi sono 80.517, per un totale di 9.943.944.

La situazione regionale

La regione in testa alla classifica per maggior numero di positivi registrati è la Lombardia con 176. Segue la Liguria con 141 positivi e il Lazio con 139. La Campania ha 136 casi mentre l’ Emilia -Romagna 125. 115 sono le persone positive in Veneto. La Regione Molise registra un solo caso.  Nelle note del Bollettino del Ministero della Salute emerge che la Sicilia registra 77 casi, di cui 2 sono i migranti ospiti dell’hotspot di Lampedusa.

Immuni: 5,9 milioni di download

L’applicazione Immuni, utilizzata per il tracciamento dei contatti in funzione anti-Covid, è stata scaricata a oggi da 5,9 milioni di persone, il 15% della popolazione ‘target’, ovvero con più di 14 anni e in possesso di uno smartphone. Sembrerebbe che ci sia stata una crescita dei download negli ultimi giorni.  Difatti, nel weekend è stata scaricata da 270 mila persone.

Sono 221 le persone risultate positive che avevano scaricato Immuni. Ciò ha portato a  sbloccare notifiche, alert, per 3.080 soggetti, di cui circa 1.200 nei primi dieci giorni di settembre. I dati sulle notifiche vengono registrati dal 13 luglio, mentre l’applicazione Immuni è disponibile sugli store online da inizio giugno.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.