La Alan Kurdi con 125 migranti va a Marsiglia

Ieri la Guardia costiera italiana ha evacuato dalla Alan Kurdi otto persone: un uomo, due donne e cinque bambini, tra i quali uno di 5 mesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:43
La nave Alan Kurdi, della ong tedesca Sea Eye

La nave Alan Kurdi della Ong tedesca Sea-Eye, che sabato ha salvato 133 migranti in mare, si sta dirigendo verso il porto di Marsiglia, in Francia, dopo aver visto fallire i suoi tentativi di raggiungere le coste italiane. Lo ha annunciato la stessa ong – che ha sede a Regensburg, in Baviera – attraverso i propri canali social.

“L’inerzia delle autorità italiane e tedesche ci costringe a questo provvedimento”, ha scritto in una nota il leader della Ong, Gorden Isler. Da ieri sera, scrive Agi, Alan Kurdi naviga verso il porto nel Sud della Francia dove deve recarsi “come previsto per cambiare l’equipaggio e preparare un nuovo intervento nel Mediterraneo orientale“.

Ieri mattina, la Guardia costiera italiana aveva evacuato otto persone. precisamente: un uomo, due donne e cinque bambini, tra i quali un bimbo di soli 5 mesi. A bordo sono rimaste 125 persone.

Sea-Eye spiega che fino a ieri sera “nessun comando delle operazioni di soccorso europeo si è preso in carico il coordinamento delle persone soccorse che si trovano sulla Alan Kurdi”.

Il fermo

Lo scorso 6 maggio la Guardia Costiera di Palermo aveva sottoposto a fermo amministrativo la nave Alan Kurdi. La nave aveva attraccato a Palermo dopo il periodo di quarantena successivo al trasferimento dei migranti sulla nave Rubattino.

Il provvedimento era scaturito in seguito ai controlli sulle norme di sicurezza della navigazione e di tutela ambientale fatte sull’imbarcazione battente bandiera tedesca. Erano infatti emerse diverse irregolarità di natura tecnica e operativa, tali da compromettere la sicurezza dell’equipaggio e delle persone a bordo.

Sbarchi in Sardegna

Intanto, non si fermano gli sbarchi di migranti in Sardegna, da giorni obiettivo di navi più o meno grandi piene di migranti. Tra ieri sera e la nottata il guardacoste della Guardia di finanza ha intercettato due barchini con a bordo complessivamente 20 persone.

Il primo – riporta Ansa – è stato bloccato a circa due miglia e mezzo da Capo Teulada, sulla costa sud occidentale sarda. A bordo sette uomini e una donna incinta.

Nel corso della notte sempre le Fiamme gialle hanno intercettato una seconda imbarcazione che era appena approdata nel poligono di Teulada. A bordo c’erano 12 algerini e tra di loro uno era ferito a una caviglia. I migranti sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir dove, dopo visite mediche e identificazioni, rimarranno in quarantena.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.