1008 contagi da coronavirus registrati in Italia. 197 i ricoverati in terapia intensiva.

Entro fine ottobre Pfzier saprà se il vaccino anticovid funzionerà o meno.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:34
Fonte: Ministero della Salute

Oggi, in Italia, il numero dei contagi è pari a 1008. Gli attualmente positivi sono 39.187. 35.624 è il numero delle vittime in totale. I casi totali sono 288.761. I guariti 213.950. 197 sono i ricoverati in terapia intensiva.  Le persone in isolamento domiciliare sono 36.868. I pazienti ricoverati con sintomi ammontano a 2.122. Il totale dei casi testati è pari a 5.956.171. I tamponi effettuati oggi sono 45.309, per un totale di 9.863.427.

La situazione regionale

La regione in testa alla classifica per maggior numero di positivi registrati è il Lazio con 181. Segue l’Emilia- Romagna con 127 positivi e la Lombardia con 125. La Campania ha 90 casi mentre il Veneto 55. Nelle note del Bollettino del Ministero della Salute emerge che la Sicilia registra 65 casi, di cui 6 sono i migranti ospiti dell’hotspot di Lampedusa.

Il vaccino Pfizer

Albert Bourla, amministratore delegato del colosso farmaceutico Pfizer, ha detto che  entro la fine di ottobre sapranno se il vaccino anti-Covid a cui stanno lavorando funzionerà o meno. L’AD ha poi precisato che: “Nel migliore dei casi c’è una buona probabilità, più del 60%, che sapremo se il prodotto funziona o meno entro la fine di ottobre”. Inoltre, ha annunciato che nel caso in cui i risultati saranno positivi, l’arrivo del vaccino sul mercato l’anno prossimo dipenderà da quanto tempo impiegheranno le autorità ad approvarlo. “La distribuzione del vaccino – ha concluso Bourla- sarà un problema a causa delle complessità legate alla spedizione dei medicinali, ma la Pfizer sa come gestire queste operazioni”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.