LUNEDÌ 24 AGOSTO 2015, 005:30, IN TERRIS

PRIMO CONTRATTO DEI BEATLES ALL’ASTA A NEW YORK

Uwe Blaschke svuota la sua collezione

REDAZIONE
PRIMO CONTRATTO DEI BEATLES ALL’ASTA A NEW YORK
PRIMO CONTRATTO DEI BEATLES ALL’ASTA A NEW YORK
All’asta il 19 settembre il primo contratto discografico che i Beatles firmarono nel 1961 ad Amburgo, che porta le firme di  Paul McCartney, John Lennon, George Harrison e dell’allora batterista Peter Best. Il pezzo  è stato stimato avere un valore minimo di 150.000 dollari e, data la grande domanda da parte dei collezionisti di oggetti appartenuti ai Fab Four, è destinato ad essere parecchio conteso.

Oltre 300 gli oggetti delle leggende di Liverpool all'asta all'Heritage Auctions di New York. I cimeli, appartenenti al collezionista tedesco Uwe Blaschke, includono foto, documenti e autografi relative al periodo che la Band inglese trascorse in Germania nei primi anni 60’, prima di conquistare il resto mondo.

Il documento del 1961 era per un album che non portava nemmeno il nome dei Beatles. Era per una versione velocizzata della canzone tradizionale per bambini tedesca "My Bonnie" e fu accreditato a Tony Sheridan & the Beat Brothers, perché la casa discografica credeva che il nome “Beatles” forse inadatto al mercato tedesco.

 “Senza questo contratto, che ha portato al loro coinvolgimento con il manager Brian Epstein, i Beatles forse non sarebbero mai riusciti a raggiungere il loro successo futuro come gruppo che incide canzoni. E quel momento è stato una pietra miliare della loro carriera, perché si erano finalmente assicurati un reale contratto discografico, qualcosa che avevano solo potuto sognare prima di My Bonnie”, commenta Dean Harmeyer, direttore della casa d’aste, che definisce il documento: “forse uno dei più importanti documenti storici dei Beatles mai messo all'asta”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"