GIOVEDÌ 03 DICEMBRE 2015, 005:00, IN TERRIS

PARIGI, GLI ATTENTATI NON FERMANO LA MUSICA: IL BATACLAN RIAPRIRA' A FINE 2016

All'interno della sala concerti, lo scorso 13 novembre, un commando terrorista ha ucciso 90 persone

AUTORE OSPITE
PARIGI, GLI ATTENTATI NON FERMANO LA MUSICA: IL BATACLAN RIAPRIRA' A FINE 2016
PARIGI, GLI ATTENTATI NON FERMANO LA MUSICA: IL BATACLAN RIAPRIRA' A FINE 2016
Non saranno gli attentati d Parigi, che la notte del 13 dicembre hanno causato la morte di 130 persone, a fermare la musica. Infatti il Bataclan, la sala concerti dove 90 persone sono state barbaramente assassinate da un commando terrorista riaprirà entro la fine del 2016. Lo hanno detto in una prima intervista esclusiva a Le Monde, Olivier Poubelle e Jules Frutos, i due manager della sala concerti, che sono anche proprietari di un terzo del teatro.

"Due nostri colleghi sono morti, come molti professionisti del mondo della musica. Non ero a teatro quella sera e ci penso di continuo", ha detto Poubelle che ha raccontato di essersi recato davanti al Bataclan mentre l'attacco era ancora in corso. "C'erano morti e feriti dappertutto. La polizia voleva sapere come era fatto il teatro, cosa avrebbero trovato dietro alla porta e come salire di sopra il più rapidamente possibile", ha spiegato Poubelle che con Frutos è uno degli impresari musicali più noti della capitale francese.

Le due guardie che si trovavano all'ingresso del Bataclan "hanno salvato varie persone", ha detto ancora Poubelle al giornale. "Quando hanno capito cosa stava succedendo hanno aperto le uscite di sicurezza e hanno gridato alla gente di scappare". "L'unica cosa che posso aggiungere è che è stata assassinata la 'joie de vivre'", ha aggiunto.

I due impresari hanno descritto la zona - l'XI arrondissement - come una delle più miste della capitale francese. "E' un quartiere anti-Le Pen. Ma i terroristi lo hanno scelto solo per uccidere il maggior numero possibile di persone", ha detto Poubelle. Nessuno dei due è stato all'interno del Bataclan dalla notte dell'attacco anche se entrambi vi passano davanti ogni giorno. "Non dovrebbe diventare un mausoleo o un luogo di pellegrinaggio", ha dichiarato Jules Frutos. "Gli organizzatori vogliono ricostruirlo, anche gli artisti. Ne parliamo molto. Ma sarà una strada lunga e dolorosa", ha detto ancora al giornale. "Per il momento siamo morti. Ma è vitale che le porte riapriranno".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
STATI UNITI

Orrore in California: 13 fratelli tenuti in catene dai genitori

I due sono stati arrestati: i ragazzi, fra i 2 e i 29 anni, erano detenuti in condizioni inumane
Filippo Nogarin
ALLUVIONE DI LIVORNO

Indagato il sindaco Filippo Nogarin

Ipotesi di reato di concorso in omicidio colposo: "Non sono stupito". Nella tragedia persero la vita 8 persone
Dolores O'Riordan
LONDRA

Addio a Dolores O'Riordan, voce dei Cranberries

La cantante irlandese se ne va a 46 anni per cause ignote, aveva problemi di salute
Severino Antinori
SANITÀ E DIRITTO

Antinori: chiesta condanna a 9 anni di carcere

Il ginecologo è accusato del prelievo forzoso di ovociti ad un'infermiera
Immigrati fuori la Stazione Centrale di Milano
MIGRANTI

Per Fontana sono una minaccia per la "razza bianca"

Il candidato alla Regione Lombardia poi si scusa: "È stato un errore espressivo"
Scontri all'aeroporto di Tripoli
LIBIA

Scontri all'aeroporto di Tripoli: 16 morti

Nel conflitto sono impegnate la milizia Zamrina e le forze di deterrenza speciali
La nuova Ducati del Moto Mondiale 2018
MOTOGP 2018

Ecco la nuova Ducati di Lorenzo e Dovizioso

I piloti: "E' una moto bellissima. Vogliamo far divertire tanto i tifosi"
Il forte di Bard, in Valle d'Aosta
MOSTRE

Monet, Renoir e Boudin al Forte di Bard

Dal 3 febbraio al 17 giugno “Luci del Nord. Impressionismo in Normandia”