MARTEDÌ 21 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

LA SVOLTA DI NEK: CANTARE LA FEDE, L'AMORE E LA GIUSTIZIA

Il rocker di Sasuolo ha prestato la propria immagine alla campagna di Telefono azzurro contro il bullismo "Fiori d'Azzurro" #NonStiamoZitti

MATTIA SHERIDAN
LA SVOLTA DI NEK: CANTARE LA FEDE, L'AMORE E LA GIUSTIZIA
LA SVOLTA DI NEK: CANTARE LA FEDE, L'AMORE E LA GIUSTIZIA
Dopo il successo sanremese e le conferme che arrivano dalla vendite e dal gradimento del pubblico su radio e social network, Nek può ben dire che sia il suo momento. Il cantautore di Sassuolo, giunto secondo al Festival della canzone italiana con Fatti avanti amore ma considerato da tutti il vincitore morale, ha però deciso di sfruttare la sua visibilità a fin di bene e di prestare il suo volto alla campagna di Telefono azzurro contro il bullismo "Fiori d'Azzurro" #NonStiamoZitti.

"Anch'io non sto zitto - dice il cantautore - con la violenza non si vince la violenza, il bullo non va picchiato, va amato e aiutato. Ho scelto di appoggiare la Campagna di Telefono Azzurro perché da anni conosco l'importantissimo lavoro che svolge questa associazione contro qualsiasi forma di violenza sui bambini". E sul bullismo aggiunge: "Se incontrassi un bullo gli direi che nessuno nasce cattivo. Al di là di tutti i nostri sbagli siamo nati per un'altra cosa. Siamo fatti per amare, nonostante noi…".

E chi meglio di Nek può raccontare a un giovane come sia proprio l’amore la cura di ogni problema. Il suo ultimo album Prima di parlare contiene 11 brani inediti ricchi di umanità, di elementi intimi e confessioni a cuore aperto. Il tema fondamentale è quello dell’amore espresso in tutte le sue possibili forme, da quello altruistico e disinteressato a quello possessivo e morboso. Ma per Nek il messaggio fondamentale è che l’amore sincero non può cedere al rancore.

L'ultimo lavoro del musicista, che segna una rivoluzione nella sua musica ma soprattutto nella sua immagine, è arrivato dopo un periodo di dolore vissuto in volontario esilio dalle scene. Nek ha da poco perduto il padre e questa sofferenza è stata per lui una dura prova ma pure una rinascita. È anche per questo che oggi lo vediamo meno rocker scatenato alla "Laura non c’è" e più incline, nonostante l’entusiasmo di sempre sul palco, a una profondità d’animo che è arrivata anche attraverso la fede.

Nel 2006 Nek, dopo un incontro con Chiara Amirante, fondatrice e presidente della Comunità Nuovi Orizzonti, ha smesso di essere “un cristiano tiepido” per diventare un cavalieri della luce. Una svolta che lo ha portato a cercare nuovi temi per le sue canzoni e scegliere di prestare la propria immagini come testimonial di iniziative come quella di Telefono azzurro.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018