SABATO 29 LUGLIO 2017, 12:50, IN TERRIS

Vaticano: i misteri di Santa Marta

SIMONE PELLEGRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Vaticano: i misteri di Santa Marta
Vaticano: i misteri di Santa Marta
Prima dell’elezione al soglio pontificio di Jorge Mario Bergoglio, il nome e il luogo di Casa Santa Marta non erano affatto così conosciuti come lo sono oggi. La scelta dell’attuale Papa di risiedere in questo angolo del Vaticano, nonché di rendere pubbliche le omelie delle sue Messe quotidiane celebrate nella cappella di Casa Santa Marta, hanno reso noto questo edificio alle spalle della basilica di San Pietro.

Memoria liturgica di Santa Marta


Oggi, 29 luglio, in occasione del giorno in cui la Chiesa ricorda Santa Marta, l’operosa sorella di Maria e di Lazzaro, l’Osservatore Romano propone ai lettori un pregevole approfondimento sulla storia sconosciuta ai più dell’attuale residenza di Papa Francesco. Autrice dell’articolo è l’architetto Ilaria Delsere, che ha scritto un libro sul tema dal titolo La chiesa e l’ospedale di Santa Marta al Vaticano (Città del Vaticano, Edizioni Capitolo Vaticano, 2016, pagine 176, euro 29).

La costruzione del Cinquecento




La prima pietra di un edificio dedicato alla discepola di Gesù fu posta nella prima metà del Cinquecento, sotto il pontificato di Alessandro Farnese, Paolo III: lì dove oggi sorge il Palazzo dei tribunali, a poche decine di metri dall’attuale dimora del Santo Padre, fu edificata la chiesa confraternitale di Santa Marta. Annessi – ricorda il quotidiano d’Oltretevere – vi erano anche un ospedale e un cimitero, a disposizione degli ufficiali e domestici dei palazzi apostolici.

Gli interventi


Soltanto nel Settecento fu però completata la chiesa, che nel corso del tempo ha conosciuto diverse sorti. Con lo scioglimento della Confraternita dei Serventi, nata in coincidenza con la costruzione della chiesa ispirandosi allo spirito di servizio che animava Santa Marta, il complesso fu affidato alla congregazione dei trinitari scalzi, e l’ospedale divenne la nuova sede del seminario vaticano. Correva l’anno 1726.

A fine Ottocento il luogo di culto fu ristrutturato, ma – come spiega la Delsere – fu quello “l’ultimo momento di gloria della chiesa di Santa Marta che agli inizi del secolo successivo fu l’edificio sacrificato (e abbattuto) nell’ambito di una risistemazione urbanistica dell’area”.

La risistemazione urbanistica del 1930


Era il 1930, a sedere sul trono di Pietro c’era Pio XI, era passato soltanto un anno dai Patti lateranensi e la conseguente fondazione della Città del Vaticano stava producendo una serie di interventi anche di ambito edilizio all’interno delle mura leonine. Ecco allora che la chiesa di Santa Marta fu coinvolta nella vasta opera di risistemazione promossa dal Pontefice. Ad essere risparmiati furono soltanto la chiesa di Santo Stefano degli Abissini e la fabbrica del Seminario, unita dalla fine dell’Ottocento all’ex convento di Santa Marta.

L’inaspettato abbattimento di Santa Marta


Al contrario di quanto stabiliva il disegno dell’ingegnere Giuseppe Momo, progettista di diverse architetture e della ridefinizione urbanistica dell’area, non fu invece preservata la chiesa cinquecentesca dedicata a Santa Marta. “Le opere d’arte superstiti – racconta la Delsere – furono traslate parte nella Pinacoteca Vaticana, parte nella cappella del nuovo palazzo del Governatorato, cui fu assegnata la medesima titolazione della chiesa scomparsa”.

Dalle pagine dell’Osservatore Romano l’architetto definisce l’abbattimento della chiesa di Santa Marta “più grave e sorprendente” di quello del complesso settecentesco di Santo Stefano dei Mori, avvenuto sempre nel 1930.

La situazione odierna


Oggi al posto della vecchia chiesa di Santa Marta si snoda una strada – spiega l’autrice dell’articolo – “posta tra le emergenze del palazzo dei Tribunali e della chiesa di Santo Stefano degli Abissini; strada che, nel progetto di Momo, era invece previsto fiancheggiasse la chiesa cinquecentesca”.

Esempio significativo di architettura


La Delsere sottolinea che Santa Marta fu “opera di uno dei principali architetti romani della fine del XVI secolo” e che costituiva “un esempio significativo non solo per la tipologia dell’edificio sacro, ma anche per le opere d’arte ivi contenute, elaborate dai maggiori artisti dell’epoca attivi presso la corte pontificia e, non ultimo, per la sua connessione con l’originaria struttura ospedaliera, da cui – come visto – è stata insensibilmente resecata, facendo perdere traccia di sé e del complesso in cui era inserita”.

Il toponimo


Santa Marta – si legge – indica oggi la medesima piazza e ripreso da Leone XIII per l’edificio del Pontificium Hospitium Sanctae Marthae (1891) che su di essa affaccia (nucleo dell’attuale Domus Sanctae Marthae, riedificata negli anni Novanta del Novecento da Giovanni Paolo II). Il toponimo della santa citata nel Vangelo come discepola di Gesù – rileva quindi la Delsere – “affonda le proprie radici nella storia secolare di una struttura assistenziale e di un pregevole episodio di architettura ormai perduto”.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il discorso del premier Giuseppe Conte all'assemblea Anci
AREZZO

Conte ai sindaci: no a un'Italia a più velocità

Il premier interviene all'assemblea Anci e parla di manovra, periferie e Mesi
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, saluta i bambini al Teatro Carignano per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2018/2019 dell'Università di Studi di Torino - Foto © Presidenza della Repubblica
DIRITTI UMANI

Mattarella: "Resta tanto da fare per i bambini in difficoltà"

Il discorso del capo dello Stato in occasione della Giornata per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza
Gli impianti ex Ilva di Taranto
L'ANALISI

Caso Ilva: perché è un rischio europeo

Tutte le variabili del caos degli stabilimenti pugliesi. Di Taranto: "Lo scudo penale, un alibi per Mittal"
Matrimonio
IL DATO

La nuova tendenza? Sposarsi!

l’Istat pubblica i dati sul matrimonio che rivelano come le nozze siano aumentate nell’ultimo anno
Pallone ufficiale di Euro 2020
CALCIO

Euro 2020: come funzionano gli spareggi

Venti nazionali già qualificate, le ultime quattro passeranno dal mini-torneo: guida alle ultime qualificazioni
Il vice presidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, e il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri
ECONOMIA

Manovra, promossa con riserva

Arriva il giudizio di Bruxelles sulla legge di bilancio, preoccupa l'elevato debito pubblico
Monopattino elettrico a Roma
CODICE DELLA STRADA

Capitale senza norme sui monopattini elettrici

A differenza di altre città in cui è in corso una sperimentazione, Roma è ancora priva di regolamentazione
IL PUNTO POLITICO

Legge di bilancio, il dibattito è aperto

Maggioranza e opposizione si confrontano sulla manovra, al via l’iter parlamentare
La lucertola Lataste, scoperta nelle Isole Pontine
ISOLE PONTINE

Scoperta una nuova lucertola "made in Italy"

A indicare che si tratta senza dubbio di una nuova specie è stata l'analisi del Dna
A sinistra, la senatrice Liliana Segre. A destra, l'attore italiano Ezio Greggio
LA POLEMICA

Ezio Greggio dice "no" a Biella dopo il "caso Liliana Segre"

Il comico biellese rifiuta la cittadinanza onoraria perché il comune l'aveva negata alla senatrice. Ma il sindaco non...
I soccorsi
VIA FORMELLESE

Incidente mortale in via Cassia: due morti

Le vittime sono due uomini di 46 e 49 anni; strada chiusa fino alle 5.00
La macelleria dopo la deflagrazione
REGGIO CALABRIA

Esplode macelleria, feriti 5 vigili del fuoco

La deflagrazione è avvenuta in via Santa Lucia, nella zona di Sant'Antonio