Maltempo: sale il numero delle vittime delle alluvioni in Kentucky

Il bilancio delle vittime in Kentucky è salito a 37, mentre una pioggia abbondante continua ad ostacolare le operazioni di recupero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:42

E’ salito, come purtroppo era prevedibile, il numero delle vittime delle inondazioni in Kentucky orientale. Le piogge torrenziali che stanno colpendo da giovedì mattina la regione statunitense dell’Appalachia – vasta area degli Stati Uniti orientali che attraversa gli Stati Usa dal Maine alla Georgia – hanno innescato alluvioni responsabili della morte di almeno 15 persone.

Il presidente degli Usa Joe Biden ha dichiarato lo stato d’emergenza lo scorso 29 luglio.

Il bilancio delle vittime è salito a 37, mentre una pioggia abbondante continua ad ostacolare le operazioni di recupero e a minacciare ulteriori danni. E ci sono ancora moltissimi dispersi. Lo ha twittato Andy Beshear, governatore dello Stato centro-meridionale degli Stati Uniti.

“Concludiamo la giornata con altre notizie strazianti provenienti dal Kentucky orientale. Possiamo confermare che il bilancio delle vittime è ora salito a 37, con molti altri ancora dispersi”, ha twittato.

Ancora pioggia e inondazioni in Kentucky

Una serie di nuove tempeste in arrivo sono previste per la notte americana. Il National Weather Service (NWS) ha emesso un allerta inondazioni per la maggior parte del Kentucky orientale per questa sera e fino a martedì mattina, avvertendo che “si prevede che una serie di tempeste si sposterà sulla regione stanotte”.

“Sono possibili forti piogge che potrebbero portare a inondazioni improvvise insieme a forti temporali”, ha twittato l’agenzia meteorologica. La scorsa settimana, su alcune aree del Kentucky orientale sono caduti più di 20 centimetri di pioggia in 24 ore, provocando inondazioni improvvise senza precedenti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.