Tonga: troppa cenere sull’aeroporto, gli aiuti non possono arrivare

Salgono a tre le vittime dello tsunami e dell'eruzione del 15 gennaio confermate finora: due donne in Perù e una britannica a Tonga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:42

Gli aerei di aiuti inviati dalla Nuova Zelanda a Tonga non possono atterrare per via della cenere che ha ricoperto la pista del principale aeroporto dopo l’eruzione del vulcano che ha provocato uno tsunami e tagliato tutti i collegamenti. Circa 200 persone hanno cercato ieri di ripulire la pista come potevano ma ne erano stati liberati soltanto 100 metri. Lo riporta la Bbc.

Le vittime dello tsunami

Il ministro degli Esteri neozelandese Nanaia Mahuta ha spiegato che un C-130 carico di aiuti umanitari, soprattutto acqua che in questo momento è l’emergenza principale ma anche generatori e kit igienici, è pronto a decollare per Tonga ma la cenere in questo momento rende impossibile l’operazione. Quanto alle navi militari con i rifornimenti ci vorranno almeno tre giorni prima che riescano a raggiungere l’arcipelago.

Salgono a tre le vittime dello tsunami e dell’eruzione del 15 gennaio confermate finora: due donne in Perù e una britannica a Tonga. La donna britannica è la 50enne Angela Glover, sommersa dallo tsunami mentre cercava di salvare i cani randagi di cui si occupava.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.