Terremoto a Tokyo di magnitudo 5.9: almeno 20 feriti, la città è ferma

L'ultima volta che si è registrato un sisma di tale intensità nella capitale nipponica è stato nel marzo 2011, la catastrofe di Fukushima

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:47
Un sismografo (immagine di repertorio)

Sono almeno 20 i feriti causati – anche se il dato è ancora provvisorio – dal violento terremoto che ha colpito Tokyo nella tarda serata di ieri (ora locale), causando un lungo blocco dei trasporti cittadini e interruzioni alla fornitura idrica in alcune aree della capitale, oltre a parziali blackout elettrici.

Subito dopo il sisma di magnitudo 5.9, rivisto al ribasso dal 6.1 dall’Agenzia meteorologica giapponese (Jma), le principali linee ferroviarie e il sistema della metropolitana sono state sospese causando lunghe code dei passeggeri alla ricerca di metodi di trasporto alternativi.

Tra i feriti di ieri c’è una donna che ha battuto la testa dopo l’arresto improvviso del treno su cui viaggiava, riferisce la polizia; altre tre persone hanno riportati lievi contusioni dopo il parziale deragliamento di un treno su una linea locale nel comune di Adachi.

Tokyo e la Cintura di fuoco del Pacifico

Sebbene il terremoto sia stato avvertito intensamente a Tokyo, i sismologi avvertono che il tumulto non è comparabile al sisma dato per probabile nei prossimi 25-30 anni, di proporzioni più devastanti e con ingenti perdite di vite umane. Il Giappone è situato nella Cintura di fuoco del Pacifico, una fascia geografica dove le placche oceaniche convergono e scivolano sotto le placche continentali, e nella quale si calcola che avvenga il 90% dei terremoti mondiali. Nella regione si trovano anche i tre quarti di tutti i vulcani del pianeta, attivi e inattivi, disseminati lungo le coste del Pacifico. Quello odierno è il terzo forte terremoto in pochi giorni: l’ultimo, 5.9 di magnitudo, era avvenuto lo scorso 6 ottobre, senza causare danni.

Ricordando Fukushima

Niente in confronto al peggior sisma della storia del Giappone. L’ultima volta che si è registrato un sisma di tale intensità nella capitale nipponica è stato infatti nel marzo 2011, la data della catastrofe di Fukushima, che causò il successivo tsunami lungo la costa nordorientale dell’arcipelago, 2259 dispersi e il conseguente disastro nucleare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.