Pasqua e Pasquetta, colpo di coda dell’inverno

Su buona parte del Paese vento e temporali, temperature a picco anche di 10 gradi.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30

E’ destinato a lasciarci presto il caldo anomalo che ha contrassegnato la prima metà della Settimana Santa. Come riportano infatti gli esperti de Il meteo.it, nel corso nel prossimo fine settimana arriveranno temporali e un vero e proprio crollo delle temperature di oltre 10°C rispetto ad ora.
L’andamento così altalenante è tipico della stagione primaverile.

Le previsioni in dettaglio

I primi segnali di cambiamento si verificheranno a partire dalla giornata di sabato 3 aprile, quando ci aspettiamo una manovra a tenaglia sull’Italia con l’ingresso di aria molto fredda da Nord Est e la risalita di un fronte più caldo e umido da Sud Ovest. Lo “scontro” tra queste correnti diametralmente opposte causerà la formazione di rovesci su Alpi e Prealpi centro-orientali, Toscana, Marche e Abruzzo con fenomeni che diverranno anche temporaleschi. Entro sera la pioggia raggiungerà anche Lazio, Puglia e Campania con fenomeni localmente forti.

Successivamente, tra la notte e la giornata di Pasqua farà il suo ingresso il fronte freddo vero e proprio sotto la spinta dei venti come Bora (Triveneto), Tramontana (versante Adriatico) e Grecale (settori tirrenici) sul Paese.

Questo causerà un crollo verticale delle temperature di circa 10°C in meno rispetto ai valori attuali. Un vero e proprio colpo di coda dell’inverno.

Nel resto del Paese, Pasqua trascorrerà all’insegna di cieli sereni su buona parte della penisola, con le ultime piogge e temporali solamente sulla Sardegna.

Colpo di scena per Pasquetta

Oltre alle bozze tipiche della stagione primaverile, a Pasquetta potremmo fare i conti con l’ennesimo colpo di scena meteorologico. Si attende infatti un possibile ritorno della neve fino a quote molto molto basse.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.