In arrivo una nuova ondata di calore, oltre 40 gradi al Sud

Attualmente tre città previste da bollino rosso: Ancona, Catania e Campobasso. Ma l'afa potrebbe interessare molte più zone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:58

Il caldo africano non molla la presa: nei prossimi giorni è atteso un nuovo boom delle temperature. La colonnina di mercurio potrà anche superare i 40 gradi al Sud. Secondo il team del sito iLMeteo.it già da oggi le temperature faranno registrare una generale impennata al Centro Nord. I valori saliranno fino a punte di 36 gradi in Emilia, 37 in Toscana come a Firenze e fino a 35 a Roma.

Al momento, il bollettino del ministero della Salute sulle ondate di calore indica con il bollino rosso – massimo livello di rischio caldo per tutta la popolazione – oggi e domani solo Campobasso, e mercoledì anche Ancona e Catania.

La fase più calda per il Sud è attesa tra mercoledì 30 giugno e giovedì primo luglio: le aree più roventi le troveremo in Sicilia, in particolare – ma non solo – a Siracusa. Seguiranno a ruota la Calabria e la Puglia con 40-41 gradi. Sul resto del Sud i valori massimi oscilleranno ovunque intorno ai 35-36 gradi.

A determinare questo scenario, secondo i meteorologi di IconaMeteo.it, è il nuovo rafforzamento dell’anticiclone africano “sopra la nostra penisola, riproponendo uno scenario molto simile a quello osservato la settimana appena trascorsa: la massa d’aria bollente, infatti, insisterà ancora una volta soprattutto sulla Sicilia e al Sud, e il caldo aggraverà la siccità in molte regioni”. Le analogie tra la precedente e questa ondata di calore, secondo 3bmeteo.com, riguardano anche la formazione di qualche temporale al Nord, in particolare sull’arco alpino, a causa di un’area di bassa pressione ad ovest della Francia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.