Modica, una città dolce come il suo cioccolato

Una gita in Sicilia, tra le bellezze barocche, gli antichi resti medioevali, sole, mare e buona cucina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09

Chi è goloso e amante delle prelibatezze italiane avrà sentito nominare (e mangiato) il famoso cioccolato di Modica, città siciliana, patrimonio mondiale dell’Unesco, nota per le sue cento Chiese e per il cioccolato salato di origine atzeca.

I luoghi incantati da visitare

Il duomo di San Giorgio, tra i simboli del Barocco siciliano, con la sua facciata e la sua scenografica scalinata di 164 scalini toglie il fiato, ma non è l’unico luogo a sbalordire: c’è il Pizzo, belvedere da Oscar e la casa natale del poeta Salvatore Quasimodo. 

Il nucleo più antico di Modica ruota tutto intorno ai ruderi dell’antico castello, dove un groviglio di viuzze conduce fino al punto più alto della città. 

Ad esercitare un fascino particolare ci sono poi le campagne del modicano, caratterizzate da una fitta rete di “muri a secco” che delimitano gli appezzamenti di terreno, che in realtà sono trapunti di maestosi alberi di carruba, ulivi e fichi d’India e regalano paesaggi davvero suggestivi. 

Una passeggiata a Marina di Modica

Questa località ricade sempre nel territorio del comune di Modica ed è raggiungibile comodamente anche tramite i mezzi pubblici. In estate è l’ideale per chi ama il mare e la movida e apprezza l’accoglienza tipica dei siciliani.

Il piacere della tavola

La cucina di Modica ha una tradizione contadina per questo molto ricca e radicata negli antichi sapori che sono legati alla storia, alla tradizione e alla cultura dei diversi popoli che hanno colonizzato questa zona della Sicilia: Ravioli Ricotta e Maggiorana con Sugo di Maiale, Scacce e Arancini, Salsiccia e Sinapu e poi ovviamente…il cioccolato!

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.