Marostica, scacchi e bellezza

La meravigliosa sfida in piazza è l'attrazione per una visita ad una città incantevole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

Per gli appassionati (e non solo) è la “città degli scacchi“. Se vi trovate in provincia di Vicenza, merita certamente una gita ed una visita la bella città di Marostica che si trova nell’altopiano di Asiago. E la visita si può iniziare proprio dal bellissimo centro storico e dalla caratteristica piazza porticata disegnata come una scacchiera.

Proprio qui si disputa la tradizionale partita a scacchi, con tutti i personaggi rigorosamente in costume, per revocare la disfida che si svolse nel 1454 per ottenere la mano della figlia del podestà veneziano. La sfida si svolge a settembre, impegna circa seicento figuranti e la manifestazione dura per tre giorni.

Oltre alla partita vera e propria la manifestazione offre la scena a sbandieratori, giocolieri, e vari personaggi d’epoca. Per il vincitore viene poi allestita una festa di luci e fuochi d’artificio. Insomma, una buona occasione per tornare a Marostica il prossimo anno, anche perchè la festosità della cerimonia in piazza vale assolutamente il ritorno.

Dalla piazza si gode poi uno splendido colpo d’occhio del Castello inferiore, edificato nel trecento, i cui interni meritano certamente una visita insieme al pur bello museo tradizionale della partita a scacchi. Sempre dalla piazza è possibile salire al Castello Superiore dove si viene subito colpiti dalla spettacolare cinta muraria.

Dall’alto del castello superiore si gode di una bella vista panoramica e la visuale è propizia per la contemplazione o per belle fotografie. Da qui è possibile ripartire alla scoperta di altre bellezze. Tutta da visitare è la bella città di Bassano. E da scoprire è anche il vicino altopiano di Asiago.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.