I danni del maltempo in Italia ed il meteo dei prossimi giorni

Il maltempo ha causato una frana sui binari della linea Falconara Orte: un treno è finito contro la frana. Non ci sono stati feriti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:54
Ormai l’Italia è entrata in pieno inverno ed anche le prossime ore vedranno il nostro Paese alle prese con freddo, neve e gelo. Numerosi i danni causati nelle ultime ore. In Friuli Venezia Giulia è stato evacuato un asilo nido in provincia di Udine a causa di un tetto che a causa delle troppa neve rischiava di mettere in pericolo il dormitorio della struttura infantile.

La frana lungo i binari

Sempre il maltempo ha causato una frana sui binari della linea Falconara Orte: un treno è finito contro la frana e per fortuna non ci sono stati feriti. Continua il freddo polare anche in Trentino e la neve è attesa anche in pianura. Anche nei prossimi giorni la situazione meterologica non sembra promettere grandi miglioramenti come possiamo riscontrare nelle previsioni di meteo.it: nel weekend del 9-10 gennaio Italia divisa in due. Una perturbazione colpirà il Centro-sud e l’Emilia-Romagna.
Nel resto del Nord situazione più stabile e clima freddo. La tendenza meteo del weekend del 9-10 gennaio.La situazione meteo sarà tranquilla su gran parte delle regioni settentrionali (con l’eccezione di basso Piemonte, Liguria ed Emilia-Romagna), mentre il maltempo colpirà il Centro-sud. Al Nord il clima sarà molto freddo, mentre al Sud e in Sicilia si potrebbero addirittura superare i 20°C.

Terza perturbazione

Domenica 10 gennaio la terza perturbazione del mese determinerà una fase di maltempo sulle regioni peninsulari e sulla Sardegna. Le piogge interesseranno in modo più diffuso il Centro, la Campania e la Puglia settentrionale. Tornerà abbondante la neve sull’Appennino, fino a quote basse (anche 100-300 metri)  su quello tosco-emiliano e in Toscana. Qualche fiocco potrebbe interessare anche le zone di pianura dell’Emilia, La Liguria e il basso Piemonte.
Il divario termico, nel fine settimana tra Nord e Sud sarà notevole, anche dell’ordine dei 20 gradi di differenza: aria fredda continuerà ad interessare le regioni settentrionali, mentre un clima molto mite per il periodo investirà il Sud e la Sicilia. All’inizio della prossima settimana si potrebbe rinforzare l’alta pressione a partire dal Centro-nord.
Ci aspetta dunque una fase meteo decisamente più tranquilla con solo della variabilità residua al Sud tra lunedì 11 e martedì 12 gennaio. Le temperature dovrebbero riportarsi su valori più normali per il periodo su tutto il Paese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.