La città del Papa: Pienza, dove il Paradiso è già in terra

Tra arte e buon vivere, ecco la Toscana al di fuori dei circuiti più turistici: gita in un borgo pieno di curiosità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

La Toscana è una terra talmente ricca, bella ed incantevole da riservare sorprese ad ogni piè sospinto. Una volta visitate e conosciute le bellezze delle meravigliose città d’arte famose in tutto il mondo, da Firenze a Siena, da Pisa a Lucca e tutte le altre città ancora, è bene spingersi nella Toscana che non ti aspetti.

La Toscana meno turistica

Noleggiare un’automobile e fare una fuga – ad esempio – nella famosa Val d’Orcia, ci porta a svelare meravigliose perle come la bella Pienza. Il piccolo borgo si trova a sud della Toscana. Nei suoi paraggi ci sono altre località conosciute in tutto il mondo come Montepulciano, Montalcino e la già citata Siena. Pienza è adagiata in cima ad un colle dal quale si gode di una vista mozzafiato dell’intera Valle d’Orcia.

Fondata per volontà di Papa Pio II, venne realizzata in soli tre anni sotto la guida di Leon Battista Alberti. Di quel progetto originale restano palazzi e vestigia d’arte che meritano una visita da rimanere incantati: proprio ad Enea Silvio Piccolomini, poi divenuto Pio II, è dedicata la splendida piazza del centro cittadino, circondata dagli edifici in travertino; la Cattedrale dell’Assunta è di fatto il Duomo cittadino, ricco di bellezze d’arte, con un campanile di forma ottagonale che sorge sopra l’antica cripta; il palazzo Piccolomini, che fu la residenza papale, e che si caratterizza per una meravigliosa Loggia con giardino sospeso dalla quale si può contemplare il panorama della valle d’Orcia con il monte Amiata.

A sua volta il centro di Pienza colpisce per la sua armonia ed è un luogo magico per passeggiare e rimanere incantati. Se poi ci si vuole spingere un pò fuori dal centro, vale davvero una bella passeggiata la visita alla pieve di Corsignano dove furono battezzati papa Pio II e suo nipote papa Pio III. E non dimenticate che anche a Pienza, come in tutta la Toscana, è possibile mangiare bene e bere anche meglio. La cittadina della val d’Orcia è nota per il suo pecorino, conosciuto ed apprezzato dai veri amanti dei formaggi. Pronti quindi ad organizzare una bella gita a Pienza?

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.