Il ‘Colpo d’ala’ di Arnaldo Pomodoro torna al suo splendore: ecco dove trovarlo

A Morciano di Romagna, il sipario si alzerà il 27 giugno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:39

A Morciano di Romagna (Rimini) è stata restituita alla comunità un’opera immortale, un capolavoro scultoreo che torna alla sua originale lucentezza: è il ‘Colpo d’ala: omaggio a Boccioni’ del maestro Arnaldo Pomodoro – fratello maggiore dello scultore Giò – che sarà svelata dopo i lavori di restauro sabato 27 giugno nella cittadina romagnola che ha dato i natali ad Arnaldo Pomodoro. Bisogna solo metterlo in calendario per organizzare un fine settimana all’insegna dell’arte.

La festa dell’arte

Una vera festa dell’arte che Morciano di Romagna ha organizzato dopo tre mesi di lockdown per l’emergenza coronavirus. “La bellezza è una cura per l’anima – spiega il sindaco Giorgio Ciotti all’Ansa -. Più luminosa che mai quella scultura rappresenta oggi, in questo particolare momento storico, il simbolo della ripartenza e della caparbietà di ciascuno di superare i tempi difficili per tornare a programmare il futuro”.

La struttura dell’opera

Durante la serata del 27 l’opera scolpita di Arnaldo Pomodoro – sorella di quella presente a Los Angeles – si mostrerà alla popolazione nella sua nuova veste, in piazza Boccioni, al centro della vasca che funge da specchio per la scultura stessa e della scenografia luminosa ideata da Pepi Morgia, regista e designer che ha collaborato con artisti del calibro di Elton John, Genesis e Mia Martini. L’impianto era stato pensato per illuminare l’area centrale della piazza, facendo risaltare il bronzo del Colpo d’ala, con un effetto suggestivo. Il ‘Colpo d’ala’ è l’omaggio che Pomodoro ha voluto tributare a Umberto Boccioni. Il lavoro di restauro del Colpo d’ala ha previsto tra i vari interventi la rimozione delle tracce dell’ossidazione e poi la pulitura, il ripristino della patina del fondo interno, il decapaggio e la lucidatura.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.