Gita ad Alba, tra arte e tartufo

Un po' relax tre le Langhe piemontesi per mangiare, bere e riposare senza dimenticare la cultura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:53
Nella nostra ricerca di posti italiani capaci di attrarre la nostra attenzione per una visita o un soggiorno alternativi a quelli delle grandi mete turistiche, non possiamo non offrire il dovuto spazio alla città di Alba, situata nelle Langhe, l’area geografica piemontese individuata dall’Unesco come patrimonio dell’Umanità.

Le caratteristiche enogastronomiche

Conosciuta in tutto il mondo per lo straordinario tartufo bianco, Alba presenta innumerevoli altre ragioni che giustifichino una visita. A cominciare proprio dalle virtù enogastronomiche. Perchè il tartufo bianco si sposa perfettamente con i “tajarin“, la pasta fatta in casa al burro. Per non parlare della carne cruda all’albese, il vitello tonnato o dolci di grande bontà come il bonet o la torta con le nocciole Piemonte IGP. Senza dimenticare gli strepitosi vini della zona, uno per tutti il Barbera d’Alba o il Dolcetto.

Le bellezze artistiche

E siccome non di solo pane vive l’uomo, Alba merita la visita non solo per una solenne mangiata di tartufo o delle altre specialità appena indicate, ma anche per una visita artistica e culturale. L’itinerario spirituale e religioso, contempla per prima la Cattedrale di San Lorenzo, costruita tra il 1486 ed il 1517, con la caratteristica costruzione in mattoncini rossi e le tre navate interne che si lasciano ricordare per le splendide colorazioni interne; a seguire la Chiesa della Maddalena, edificata nella seconda metà del XVIII secolo, dai ricchi interni barocchi; o la chiesa di San Domenico, risalente al XIII della quale si dice che venisse usata da Napoleone come stalla per i suoi cavalli.
Altri luoghi di interesse sono il Palazzo Comunale, dagli interni ricchi di arte; o le “cento torri” che fortificavano la città per difenderla dagli attacchi esterni;  o la casa di Beppe Fenoglio, lo scrittore partigiano italiano che proprio ad Alba ebbe i suoi natali.
E per chi abbia più di una giornata, consigliamo anche un giro nei dintorni, perchè anche i paraggi di Alba offrono più di una occasione per gite d’arte e degustazioni entusiasmanti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.