Ninfa, capolavoro naturalistico, compie 100 anni

Da Ottobre: mostre, convegni, aperture straordinarie e visite guidate.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:11

A 100 km da Roma, il giardino più romantico del mondo – come lo ha definito il New York Times – pensato, voluto e creato da tre donne legate alla famiglia Caetani: Ada Bootle Wilbraham, moglie di Onorato Caetani, Margherite Chapin moglie di Roffredo che vi portò i fiori da tutto il mondo e Lella Caetani, che lo immaginò come i quadri che amava dipingere. Questo meraviglioso giardino, dove gli alberi incantano, i fiori di ogni specie e colori cambiano col susseguirsi delle stagioni tra le chiese antiche, le rovine della città medievale, i laghetti e gli stagni, ha ispirato Gabriele D’Annunzio, Truman Capote, Virgina Wolf. E quest’estate il pianista jazz e compositore Stefano Bollani ne ha fatto il suo buen retiro per riposarsi e comporre. Anche la Maison Dior ha scelto la magia del giardino per un cortometraggio sulla sua prossima collezione firmato da Matteo Garrone.

Gli eventi

Si sono aperti, oggi, con la mostraI colori della prosperità: frutti del vecchio e nuovo mondo”, realizzata in collaborazione con l’Accademia dei Lincei. Nella sala dell’antico municipio, da poco restaurata, si potranno ammirare le immagini degli elementi naturalistici della Loggia di Amore e Psiche di Villa Farnesina a Trastevere, affrescata da Raffaello e decorata con motivi naturalistici da Giovanni da Udine. Con un sistema interattivo sarà possibile navigare all’interno della Loggia digitale e osservare così le 170 specie vegetali, rare, provenienti da tutti i continenti, in particolare dal Nuovo Mondo, presenti nei festoni e 50 figure di animali.
Dal 23 ottobre si potrà visitare la mostra sulle riproduzioni grafiche, digitali e incisioni di vedute di Ninfa e dei territori vicini risalenti al XIX secolo, in collaborazione con l’Istituto Centrale per la Grafica. Nella stessa data, in un altro salone del vecchio municipio, si terrà il convegnoNinfa. Dalla Pompei del Medioevo al Giardino di Ninfa”.
Infine, aperture straordinarie, un doc del regista Lucio Castellato e una pubblicazione sulla figura di Marguerite Chapin.
A marzo 2021, il Giardino ospiterà gli studenti della Scuola di scrittura Holden di Torino.

Boom di visitatori dal 23 maggio

Sarà stata la voglia di tornare a contatto con la natura dopo i mesi di isolamento forzato a far registrare un boom di visitatori, quasi 60 mila, e un record di presenze agli eventi serali, nei tre mesi. Il fatturato dei biglietti è stato di un milione e 600 mila euro l’anno e un milione e mezzo di indotto sul territorio, a dimostrazione che bisogna puntare sempre più sulla green economy.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.