Etna: nuova attività nel cratere Sud-Est, cresce il tremore vulcanico

L'attuale fase eruttiva dell'Etna non impatta, al momento, sull'operatività dell'aeroporto internazionale Vincenzo Bellini di Catania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:54
Fonte: @INGVvulcani

La ripresa di una modesta attività esplosiva al cratere di Sud Est dell’Etna, evidenziata da bagliori visibili sulle telecamere della rete di videosorveglianza, è stata osservata la notte scorsa dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania. I fenomeni, al momento, sono confinati all’interno del cratere e generano delle discontinue e blande emissioni di cenere.

L’incremento dell’ampiezza media del tremore dell’Etna

Sulla base del modello previsionale, il plume vulcanico si dirige in direzione Sud Ovest. Dalle 02:30 è stato anche osservato un incremento dell’ampiezza media del tremore fino a valori medi con un andamento in crescita. La sorgente è ubicata nell’area del cratere di Sud Est a una profondità di circa 3.000 metri dal livello del mare. Contestualmente, anche l’attività infrasonica ha mostrato un incremento e risulta localizzata al cratere di Sud Est. L’attuale fase eruttiva dell’Etna non impatta, al momento, sull’operatività dell’aeroporto internazionale Vincenzo Bellini di Catania.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.