Le coste sud-est siciliane nel 2100 saranno sommerse dal mare?

Secondo uno studio e alcune proiezioni, i cambiamenti climatici in corso porterebbero a un prossimo aumento del livello del mare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:06

Le coste della Sicilia sud-orientale potrebbero subire una progressiva sommersione, perdendo circa 10 kmq di superficie nel 2100. La causa sarebbero i cambiamenti climatici del pianeta.

Lo afferma uno studio realizzato nell’ambito del progetto Pianeta Dinamico che il Ministero della Ricerca e dell’università ha finanziato all’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. La ricerca è stata svolta dall’Ingv con l’università Aldo Moro di Bari, quella di Catania e l’olandese Radboud e pubblicato sulla rivista internazionale ‘Remote Sensing‘.

“Sappiamo che dal 1880 in poi il livello marino ha iniziato ad aumentare di 14-17 centimetri, ma oggi sta accelerando e sale alla velocità di oltre 30 cm per secolo – spiega il prof. Giovanni Scicchitano, associato di Geomorfologia a Bari -. In particolare, se non verranno ridotte le emissioni di gas serra, il livello del mare potrebbe salire anche di 1,1 metri nel 2100 e di vari metri nei due-tre secoli successivi”.

Un insieme di modelli matematici

“Abbiamo calcolato le proiezioni dell’aumento del livello marino – sottolinea Marco Anzidei, ricercatore dell’Ingv e primo autore della ricerca – per differenti scenari climatici e sulla base di vari parametri, tra cui l’espansione termica del mare, la fusione dei ghiacci continentali, la concentrazione di gas serra in atmosfera e, infine, i movimenti verticali del suolo. Insieme ai ricercatori Ingv Cristiano Tolomei, Christian Bignami ed Enrico Serpelloni, abbiamo valutato le deformazioni del suolo con dati spaziali delle aree che saranno potenzialmente allagate nel 2050 e nel 2100, valutando gli scenari in sei zone costiere”.

La Piana di Catania, fonte Wikipedia

s”I risultati per la piana di Catania – rivela il prof. Carmelo Monaco, ordinario di Geologia strutturale a Catania – indicano che, nell’area compresa tra i fiumi Simeto e San Leonardo, la perdita di territorio al 2100 sarebbe considerevole, con il mare che invaderebbe la zona depressa per diverse centinaia di metri.

La situazione del porto di Augusta

Nel porto di Augusta alcune aree industriali potrebbero essere coinvolte. Il porto di Siracusa è l’area che più soffrirebbe di un potenziale innalzamento del livello del mare al 2100: l’area della foce del fiume Ciane potrebbe essere invasa dal mare per una estensione fino ad 1 km nell’entroterra rispetto l’attuale linea di riva. Le Saline del fiume Ciane, attualmente Riserva Naturale Orientata e che negli ultimi anni hanno già subito un arretramento misurato da dati satellitari di circa 70 metri, verrebbero totalmente sommerse. Sorte simile potrebbe toccare alla Riserva di Vendicari, le cui aree umide potrebbero sparire lasciando sparse isole relitte”.

L’Oasi di Vendicari
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.