La Corea Sud flagellata dal tifone Hinnamnor: 10 morti e 2 dispersi

Hinnamnor - uno dei più potenti tifoni che abbiano interessato la Corea del Sud da decenni - ha costretto 4.700 persone a fuggire da casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:09
Le immagini da Twitter del tifone Hinnanmor

Tragico il bilancio del passaggio del tifone Hinnamnor nel sud est asiatico. In Corea del Sud, la tempesta ha colpito la costa meridionale causando enormi onde portando con sé forti piogge e uccidendo dieci persone; due i dispersi. Lo rendono noto oggi le autorità locali.

Il tifone Hinnamnor

Hinnamnor – uno dei più potenti tifoni che abbiano interessato il Paese asiatico da decenni – ha costretto più di 4.700 persone a fuggire dalle loro case per sicurezza e ha distrutto circa 12.000 tra abitazioni ed edifici.

Quasi 90.000 famiglie sono rimaste senza energia elettrica a causa della tempesta, ma nella maggior parte dei casi l’approvvigionamento è stato ripristinato questa mattina. Prima dell’arrivo del tifone, le autorità sudcoreane hanno chiuso più di 600 scuole a livello nazionale per precauzione e le compagnie aeree locali hanno cancellato circa 250 voli nazionali.

Il tifone,  ha allagato strade ed edifici durante il suo passaggio ieri e lunedì. Nella città portuale sudorientale di Pohang, una delle aree più colpite, sette corpi e due sopravvissuti sono stati tirati fuori dal parcheggio sotterraneo sommerso di un complesso di appartamenti. I nove sono rimasti intrappolati dopo essere entrati per spostare le loro auto durante i forti acquazzoni, secondo i media locali.

L’astronauta italiana Samantha Cristoforetti ha fotografato il tifone dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.