Coldiretti: “Il clima pazzo stravolge i raccolti, bruciato 1 frutto su 4”

Perso, per il clima pazzo, il 27% della produzione nazionale di frutta. A calare, rispetto ai cinque anni precedenti, tutti i tipi di frutti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:01

Il “clima pazzo” del 2021 –  con quasi sei eventi meteo estremi al giorno – ha stravolto l’agricoltura con l’addio in Italia a quasi un frutto su quattro, vale a dire il 27% della produzione nazionale.

E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti intitolata “2021, l’anno nero della frutta Made in Italy” e diffusa oggi in occasione dell’avvio del Macfrut, la fiera per i professionisti del settore ortofrutticolo in Italia e all’estero che si svolge a Rimini fino al prossimo 9 settembre.

Clima pazzo in primavera ed estate

Il gelo in primavera e un’estate divisa tra siccità e violenti temporali, sottolinea la Coldirettii, hanno prima danneggiato le fioriture e poi i frutti con raccolti scesi al minimo da inizio secolo.

A calare, rispetto alla media dei cinque anni precedenti, sono tutti i prodotti, dalle mele (-12%) alle pere (-69%), dalle susine (-33%) ai kiwi (-29%), dalle albicocche (-37%) alle pesche (-48%) fino alle ciliegie (-20%).

Una situazione drammatica per i produttori che in molti casi hanno perso un intero anno di lavoro, ma anche per i consumatori che hanno dovuto affrontare un carrello della spesa più costoso. Il settore ortofrutticolo, ricorda la Coldiretti, garantisce all’Italia 440 mila posti di lavoro, il 40% del totale in agricoltura, con un fatturato di 15 miliardi di euro l’anno tra fresco e trasformato; questo grazie all’attività di oltre 300 mila aziende agricole su più di 1 milione di ettari coltivati.

Un patrimonio dai grandi numeri da difendere dagli effetti dei cambiamenti climatici con le misure di gestione del rischio. “E’ imprescindibile sostenere l’adesione delle aziende a questi strumenti – fa sapere il presidente Ettore Prandini – considerato che, ad oggi, meno del 20% della produzione lorda vendibile agricola risulta assicurata”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.