Cina, 330mila evacuati a Shanghai per l’arrivo del tifone Chanthu

Il "super tifone" chanthu, violentissimo, ha investito le Filippine e Taiwan con venti sostenuti di oltre 200 km/h e piogge torrenziali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:15

Sono quasi 330mila gli evacuati a Shanghai in vista delle violente precipitazioni e dei forti venti portati dal tifone Chanthu, il 14esimo dell’anno. Quest’ultimo dovrebbe soffermarsi fino a mercoledì sulle acque costiere nel raggio di 100 e 200 km a est di Shanghai prima di indebolirsi e spostarsi verso nord-est, lontano dalla città.

Secondo il centro meteorologico locale, il quattordicesimo tifone dell’anno nell’area dovrebbe toccare terra in Cina sulle zone costiere della provincia tra Zhoushan e Ningbo oppure potrebbe transitare sulle isole Zhoushan. Sono già stati sospesi collegamenti ferroviari e aerei per l’allerta meteorologica. E’ previsto che nelle prossime 36 ore cadranno su alcune zone di Shanghai fino a 250 mm di pioggia.

Chanthu inonda Filippine e Taiwan

Nelle ultime ore il “super tifone”, violentissimo, ha investito le Filippine con venti sostenuti di oltre 200 km/h e piogge torrenziali. Già colpita anche l’area di Taiwan. Il ciclone ha raggiunto la categoria 5 sulla scala di Saffir-Simpson (è il gradino più alto, massima potenza) e ha causato lo stop dei collegamenti marittimi, stradali, ferroviari, oltre a lasciare migliaia di persone senza energia elettrica.

Quello che ha stupito i meteorologi è la rapidità con cui questo ciclone si è intensificato, raggiungendo in poco la massima categoria nella classificazione basata sulla forza dei venti. Nel video – proposto da IlMeteo.net – si può notare la violenza del vento nella zona di Batanes, Filippine.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.