Cina: ondata di caldo anomala nel Paese, 40 gradi a Shanghai

Un'ondata di caldo anomala sta interessando la Cina e in particolare Shanghai: il caldo ha causato deformazioni del manto stradale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:48

Un’ondata di caldo anomala sta interessando la Cina e in particolare molte grandi città, tra cui Shanghai, dove la colonnina di mercurio ha toccato i 40 gradi: il fenomeno ha causato deformazioni del manto stradale, scoppio delle tegole dei tetti e ha spinto le persone alla ricerca di luoghi freschi, fino ai rifugi antiaerei sotterranei. Secondo i media locali, circa 90 città hanno hanno portato l’allarme calura a livello rosso, il più alto in un sistema di tre gradi, a causa di temperature attese oltre i 40 gradi.

Città sopra i 40 gradi

I meteorologi del China Weather Network hanno previsto che il fenomeno debba continuare fino al 16 luglio, quando ci sarà un miglioramento per le piogge. Shanghai, che sta ancora combattendo sporadici focolai di Covid-19, ha sollecitato i quasi 26 milioni di residenti a prepararsi a un caldo eccezionale per tutta la settimana. Dall’inizio della registrazione delle temperature nel 1873, Shanghai ha registrato appena 15 giorni oltre i 40 gradi.

L’estate in Cina si sta caratterizzando per i forti contrasti, tra ondate di caldo e pesanti piogge, ben oltre le caratteristiche stagionali. In una città nella provincia meridionale di Jiangxi l’asfalto stradale si è arricciato per il caldo, ha riferito il network statale Cctv.

Nanchino, nota per le loro torride estati, ha da domenica aperto i suoi rifugi antiaerei sotterranei, dotati di Wi-Fi, libri, distributori d’acqua e persino forni a microonde, pur di offrire un po’ di fresco. A Chongqing, le tegole di un tetto tradizionale cinese di un museo sono scoppiate per la liquefazione del catrame sottostante. Temperature alte sono state registrate anche in aree delle province del Jiangsu, dello Zhejiang, dello Anhui, dello Hubei e del Sichuan.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.