“Cambiamo aria”: la campagna Unicef contro la crisi climatica

L'Unicef Italia lancia la campagna "Cambiamo Aria: la crisi climatica è una crisi dei diritti delle bambine e dei bambini", per sensibilizzare bambini, giovani e famiglie sui temi del cambiamento climatico e della sostenibilità ambientale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:31
Fonte: Unicef

Secondo l’Unicef il 99% della popolazione infantile mondiale è già stato esposto ad almeno uno shock climatico o ambientale e circa 1 miliardo di bambini – quasi la metà dei 2,2 miliardi di bambini del mondo – vive in uno dei 33 paesi classificati come “a rischio estremamente elevato” per le conseguenze dei cambiamenti climatici.

Il quiz sui cambiamenti climatici

L’Unicef Italia lancia la campagna “Cambiamo Aria: la crisi climatica è una crisi dei diritti delle bambine e dei bambini”, per sensibilizzare bambini, giovani e famiglie sui temi del cambiamento climatico e della sostenibilità ambientale, e un quiz per misurare il proprio impatto ambientale, con una serie di accorgimenti per migliorare le proprie abitudini. E’ possibile partecipare al quiz sulla piattaforma Unicef. Secondo i dati disponibili le emissioni di CO2 e altri gas clima alteranti sono pari a 6,6 tonnellate pro-capite.

Se ogni paese consumasse allo stesso livello dell’Italia, sarebbero necessari 2,8 Pianeti Terra. Per questo nell’ambito della Campagna sarà possibile partecipare ad un quiz per valutare se i nostri gesti quotidiani sono sostenibili. Il Quiz è composto da 5 domande su inquinamento, raccolta differenziata, risparmio energetico, risparmio di acqua e spreco alimentare, ha l’obiettivo di rendere le persone maggiormente consapevoli sul proprio impatto ambientale e propone una serie di consigli su come migliorare i propri comportamenti e adottare stili di vita più sostenibili.

“Le giovani generazioni sono le meno responsabili delle cause dei cambiamenti climatici e quelle che stanno pagando il prezzo più alto, con conseguenze pesantissime in termini di giustizia intergenerazionale e aumento delle diseguaglianze. I più giovani hanno dimostrato maggiore sensibilità e attivismo su questo tema e tuttavia, sono quelle che hanno meno voce in capitolo nelle decisioni prese. Per questo l’Unicef Italia lancia la Campagna Cambiamo Aria: per sensibilizzare sul fatto che la crisi climatica è una crisi dei diritti dei bambini e delle bambine” – ha dichiarato Carmela Pace, Presidente dell’Unicef Italia.

Nel 2021 i cambiamenti climatici hanno rappresentato la prima preoccupazione ambientale per il 51,5% della popolazione di età superiore ai 14 anni. I bambini e gli adolescenti sono fisicamente più vulnerabili ai rischi dei cambiamenti climatici; le diverse forme di inquinamento, causano maggiori danni ai bambini, rispetto agli adulti, anche a tassi minori di esposizione. Inoltre, qualsiasi deprivazione causata in giovane età dai cambiamenti climatici può causare perdita di opportunità per tutta la vita.   L’Unicef ritiene che sia primaria responsabilità dei Governi portare avanti politiche ambientali quali: aumentare gli investimenti per l’adattamento climatico e la resilienza nei servizi chiave per i bambini; ridurre le emissioni di gas serra: per evitare i peggiori impatti della crisi climatica, è necessaria un’azione urgente. Includere i giovani in tutti i negoziati e le decisioni nazionali, regionali e internazionali sul clima.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.