Borsa Mediterranea del Turismo: “fuori fiera” tra Capri, Procida e la costiere amalfitana a bordo di una motonave

L'evento sarà documentato dalle telecamere del programma televisivo "Voucher-Il Turismo in onda"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:21
Un fuori fiera che è l’immagine di una ripartenza più libera, nella cornice del Golfo di Napoli. Quest’anno alla Borsa Mediterranea del Turismo, prima kermesse in presenza dopo le misure di contenimento della pandemia da Covid-19, a bordo della motonave yacht “Patrizia” che navigherà tra Capri e Procida, ma non solo, saranno presenti cariche istituzionali, imprenditori e operatori dell’industria del turismo, e durante l’evento si esibiranno musicisti e showman.
Si terrà sabato 19 giugno alle 19:30, su una delle navi da charter della Compagnia Nlg, Aperiviaggi, organizzato da “Voucher-Il Turismo in onda” che con le sue telecamere documenterà l’evento. La motonave toccherà alcune delle mete più note del turismo internazionale, come Capri, la costiera amalfitana, la penisola sorrentina e Procida. Tra gli ospiti a bordo, che saranno presentati dagli ideatori di “Voucher” Anna Di Maria e Paki Arcella, il direttore della Borsa Mediterranea del Turismo Fabrizio Cantella, il broker esperto in assicurazioni per il turismo Massimo Mazza, che interverrà sul tema “nuovo modo di pensare del viaggiatore” e su quali siano gli strumenti assicurativi oggi più idonei per il settore turistico.
L’occasione coincide anche con la data del ventesimo anno di attività della società milanese Progetto Viaggi & Marketing insieme al suo tour operator Ventisetteviaggi e al suo programma televisivo.
Per quanto riguarda l’intrattenimento, la parte musicale sarà eseguita dal tenore Giuseppe Gambi, dal chitarrista Gino Accardo, dal cantautore Antonio Mancini e dell’attrice Emanuela Marina che suoneranno brani di musica classica napoletana, mentre il comico e imitatore Enzo Guariglia si esibirà nei suoi numeri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.