Storie sconosciute e negate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Il 6 agosto del 1863 un battaglione di bersaglieri, per repressione, uccise 7 operai e ne ferì 20. Accade nella prima fabbrica di locomotive ferroviarie e motori a vapore, avveniristica per l'epoca sia in Italia che in Europa, fondata a Pietrarsa (nel napoletano) per volere dell’illuminato re Ferdinando II di Borbone. Unificata l’Italia, la nuova classe dirigente, man mano, sminuiva quell'opificio per darne vita a un altro in Liguria, a prezzo di licenziamenti e riduzioni di salario. Di qui gli scioperi che furono repressi con il piombo. Uno di quei tanti episodi sconosciuti che diedero vita alla cosiddetta “questione meridionale”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.