Ricordi di Natale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Quando ero bambino le feste natalizie erano attesissime: in casa c’era un clima speciale. I miei genitori, i nonni le zie, erano tutti impegnati a preparare dolci e pietanze per pranzi e cene, ad addobbare l’albero di Natale e il presepe, per invitare parenti ed amici ogni sera a cena, a giocare a tombola, a fare musica.

In quel festosissimo continuo da fare, nello sfondo della mente, si faceva ogni tanto largo il tarlo della preoccupazione dei compiti ancora non fatti, e di quaderni e libri di scuola mai aperti da prima di Natale. “Pazienza mi dicevo”: ce n’è di tempo fino all’epifania per i compiti assegnati dall’insegnante; e rimandavo dando spazio ai divertimenti. Mi sono chiesto ieri, se non stessi avvertendo le medesime sensazioni, seppur con dinamiche nuove ed in una epoca diversa. La risposta che mi sono dato, è che percepisco lo stesso lieve turbamento, ma rimando comunque tutto il da fare: tanto di tempo ce n’è ancora tanto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.