Quello che capita a te, può capitare anche a me

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

In questi giorni si sono aperte qui e lì inchieste giudiziarie, e sono stati indagati e arrestati amministratori pubblici e politici. Queste notizie riportate e ventilate così insistentemente dai media, mi lasciano l’amaro in bocca per più motivi. In primo luogo emerge, per l’ennesima volta, che la corruzione e l’illecito sono ben lontani dall'essere stati ridimensionati nel nostro Paese. Nonostante tangentopoli, la catarsi invocata 25 anni fa e provocata per liberarci dalle impurità nella vita pubblica, nonostante le varie autority – non ultima quella sugli appalti – , nonostante il cambiamento radicale dei soggetti politici e dei suoi leader, pare in certi casi che la corruzione o la percezione di essa, abbia subito un significativo aggravamento. In questi frangenti è naturale che in ognuno di noi si generi un moto di sdegno e ci condizioni nella percezione di questi fenomeni.

Ma non sarei sincero se non dicessi anche dei dubbi che mi assalgono; non che quello che viene fuori non sia del tutto vero, ma di come queste verità – intere o metà che siano – spesse volte vengono fuori. Siamo in campagna elettorale e non è indifferente come vengono catapultati sul terreno politico. Non dico ovviamente che questi presunte illegalità debbano essere nascoste, oppure non perseguirle. I reati sono reati e vanno puniti. Ma sono convinto nello stesso modo, che la gestione mediatica, prima di una condanna, per senso di giustizia e per ossequio agli interessi generali, occorre una sufficiente responsabilità nel rispettare forme e sostanza consone alle leggi orientate dallo Stato di diritto. Ad esempio, il caso venuto alla luce in questi giorni dell’assoluzione piena dell’ex Sindaco Marino, fa ben capire che certi movimenti, fatti in momenti particolari, per norme non scritte ma che sono ormai prassi, possono determinare cambiamenti politici non provocati dal voto, ma dal moto di sdegno derivato anche da una sola indagine e da un avviso di garanzia.

Il povero Marino, venne indagato (pensate un po’), per qualche cena avuta e contestata per non essere stata fatta per ragioni di rappresentanza: questa dunque fu l’accusa. Da questa iniziativa, si scatenò una grande offensiva non solo di oppositori, ma anche addirittura dei consiglieri del suo partito per effetto della pressione mediatica, che insieme ad alcuni altri, per ottenere la dimissione del Sindaco di Roma, si recarono addirittura dal notaio. Casi di questo genere ne sono accaduti molti in questi anni; infatti una quantità importante di giunte regionali, comunali, oltre che singole personalità di governo hanno dovuto prima del tempo di scadenza del loro mandato elettorale, abbandonare il loro compito. Non c’è bisogno, in questi casi, descrivere i danni gravi per la credibilità delle istituzioni, della democrazia, ma anche della giustizia. Mi chiedo molto spesso, quando nel nostro paese, aldilà delle posizioni di ciascuno, la tifoseria sarà l’unico sentimento ad orientarci e non il pensare che una azione sbagliata commessa ai danni del mio avversario, potrà capitare dopo anche a me. So che quando raggiungeremo questa maturità, l’Italia sarà più civile, ma avrà risolto ogni suo problema: della giustizia giusta, del funzionamento dello Stato, della democrazia, dell'economia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.