Parliamo e sparliamo del tempo: importante parlarne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:30

Tuoni da ogni dove, potenti, e con saette spaventose che illuminano tutto il cielo reso anzitempo buio dalle nuvole nere, che oramai hanno tolto ogni spazio anche al più piccolo barlume di luce. È finita così l’estate tanto generosa che abbiamo potuto godere finora, per tre mesi interi. Credo che i temporali che assediano in queste ore la penisola ed isole annesse, fungono da spartiacque tra l’estate calda sinora avuta, e la prosecuzione di un tempo che annuncia l’approssimarsi dell’autunno. E pensare che i media ci avevano bombardati da pronostici disastrosi: sostenevano che questa estate non l’avremmo goduta; tanto maltempo avrebbe compromesso la possibilità di popolare le spiagge, i laghi, le montagne e le campagne del bel paese, con l’aggravante della perdita di turisti stranieri. Invece i turisti sono venuti copiosi, in tante località, persino di più di altre annate. La verità è che fare pronostici meteorologici per il medio e lungo periodo è sempre molto difficile; ma si sa, giornali e tv sanno che le persone, soprattutto quando non hanno molti argomenti, trovano più facile parlare del tempo; e forse stavolta hanno ragione loro. Infatti, se non dovessimo parlare del tempo, in certe circostanze, ve lo immaginate quanti incontri muti tra le persone?

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.