Lo “Stato etico”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Fa discutere l’intenzione del governo di voler monitorare, attraverso una carta elettronica appositamente studiata, la qualità della spesa di chi percepirà il reddito di cittadinanza. Ci saranno elenchi di spese vietate? Ci saranno interruzioni elettroniche di fronte ad acquisti sconsigliabili? Ci saranno sospensioni del funzionamento della “carta”? Per ora nessuno sa nulla. Quello che si intuisce, è che lo Stato, quatto quatto, si ricandida a mettere sotto tutela il cittadino: si sa da dove si parte, non si sa mai dove si arriva, come la storia ci insegna. Insomma, dopo 70 anni si riaffacciano elementi da “Stato Etico” in Italia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.