L’Italia e la signora Elisa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Mediaset, la società del network televisivo italiano fondato da Silvio Berlusconi, ha annunciato di voler fondersi con la sua controllata spagnola, anch’essa network televisivo in Spagna, dando vita alla holding ‘Media Ford Europe. La nuova società ha già deciso di allocare la propria sede legale in Olanda; sede già sede scelta qualche anno fa anche dalla Fca, la nuova società Fiat, costituita con la americana Chrysler automobiles. Ma vediamo perché le grandi aziende italiane scelgono l’Olanda. La scelgono, perché consente di adottare un sistema che assegna diritti di voto doppi ai soci stabili, il che agevola il mantenimento del controllo da parte di della famiglia Berlusconi. La normativa olandese facilita la costituzione di una base azionaria stabile, premiando gli azionisti a lungo termine, fornendo contemporaneamente al gruppo aziendale una maggiore flessibilità nel perseguire opportunità strategiche.

Sono sicuro che qualcuno avrà da obiettare su questa scelta di risiedere in altro paese europeo, accusando la Società di ‘tradire’ l’Italia, come è stato fatto nei confronti degli Agnelli, o nei confronti di altre nostre aziende che preferiscono l’estero per pagare meno tasse, o per sistemi più idonei ai propri programmi. Ma io spero che, presto, gli italiani si renderanno conto che la competizione internazionale di oggi è diversa da quella di ieri. Sono tantissimi i competitors di ogni paese estero nel mercato, che scelgono il luogo con normative più confacenti agli interessi delle società e al risparmio e  flessibilità. Fanno come fa la signora Elisa quando va al mercato: sceglie di comprare dal venditore che gli assicura un prezzo-qualità migliore, e una location più raggiungibile ed organizzata. Allora a noi italiani non resta che sperare che arrivi il tempo, in cui le aziende italiane ed estere, individuano il nostro territorio, perché capace di esprimere gli stessi requisiti delle mete più ambite dalle aziende. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.