L'andirivieni della politica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Non c’è giorno che passi, che i giornali non pubblichino un sondaggio per misurare fortune e sfortune dei partiti, vale a dire il consenso degli elettori nei loro confronti.

Questa prassi, oltre ad essere suscitato dalla esigenza dei “Quotidiani” di offrire ai lettori notizie interessanti, probabilmente risiede anche nella interiorizzata cattiva coscienza nazionale per la scarsa affluenza alle urne nel momento delle tornate elettorali. Ma se i sondaggi, quasi giornalieri, segnalano repentini cambiamenti nelle intenzioni di scelta politica dei cittadini, annunciano anche spesso avvicendamenti. Ormai da molti anni le cose in Italia vanno così. Chi molto velocemente è salito su nella leadership, con la stessa rapidità crolla e va in basso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.