L'ammonimento di Virgilio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Si sentono discorsi di governanti che chiedono prestiti qui e lì, come se fossero favori che gli interlocutori potrebbero elargirci, attraverso relazioni politiche. Ma è possibile che a nessuno venga in mente che chiunque presti denaro per il debito italiano, vuole una restituzione maggiorata come da mercato? Non è meglio stare attenti a come si può migliorare l’economia e a come si spendono i soldi, meno e meglio? Gli attuali governanti, pur avendo letto Virgilio, hanno dimenticato una ammonizione che ritroviamo nell’Eneide: “Timeo Danaos et dona ferentes”. Temo i Danai (un popolo di allora riconducibile ai greci), anche quando portano i doni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.