La fatica della buona politica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Dopo la gaffe sul crocifisso da togliere nelle scuole italiane, il ministro Lorenzo Fioramonti annuncia che il Miur assumerà circa 50.000 nuovi insegnanti come concordato con le organizzazioni sindacali del settore. In effetti ci sono dei vuoti da riempire che certamente non agevolano la gestione del servizio scolastico. Ma anche in questa occasione il Ministro della pubblica istruzione, non ci dice nulla rispetto alle esigenze di offrire un'istruzione più allineata alle esigenze delle attività produttive italiane, in grave sofferenza a causa della incapacità del sistema scolastico di produrre competenze all’ altezza delle sfide di competitività nel mercato internazionale. Insomma, investimenti sui nuovi sistemi didattici, sulle attrezzature digitali, sui servizi di collegamento con le realtà produttive ai fini della alternanza scuola lavoro e sui tirocini, sulla professionalizzazione avanzata degli insegnanti, nulla di nulla. Il governo di questi temi sono oramai in in grande ritardo, e per il loro concepimento, progettazione e gestione, richiedono coraggio, impegno, pazienza. Probabilmente per questa ragione si è più disposti a lanciare annunci di assunzioni ed a insidiare crocifissi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.