Il lupo perde il pelo ma non il vizio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

In commissione affari costituzionali della Camera, si è data via libera alla modifica della legge elettorale con la condivisione del “rosatellum”. La proposta restaura il proporzionale, indica i collegi uninominali, dimezza il numero delle firme occorrenti per validare le liste, semplifica gli adempimenti di validazione, fissa al 3% il tetto minimo per essere rappresentati in parlamento. E’ un sistema – si era già capito – che permetterà alleanze anche non messe in conto, per favorire la governabilità. Tutto bene! Le preferenze? Quelle no! Non è possibile che siano i cittadini a scegliersi i loro deputati: i partiti dicono che tendono al clientelismo. Per questa ragione  (dicono loro) che questa incombenza sia compito dei leader dei partiti. Considerazione finale: il lupo perde il pelo proporzionale, ma non il vizio di surrogare il diritto dell’elettore di eleggere il proprio rappresentante con la preferenza.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.