Il cittadino lavoratore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Il primo maggio ha una tale forza simbolica che se utilizzato per evocare cambiamenti, avrebbe facile possibilità di fare breccia nel cuore dei lavoratori. Essi sono confusi e frastornati dalle difficoltà, per loro sempre più grandi, e sono alla ricerca di nuove occasioni per ottenere speranze di benessere e di avere un ruolo rinnovato nella comunità  democratica. Ma occorre coraggio nell’andare contro corrente; l’attuale corrente è solo segno di difficoltà crescenti per il cittadino-lavoratore.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.