Fare e disfare, la solita solfa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Il nuovo governo, attraverso Di Maio, annuncia ancora una volta che si abolirà il “jobs act“. Facendolo, purtroppo, non avverrà nulla di nuovo: tutti i governi degli ultimi 15 anni, hanno cambiato le norme varate dall'esecutivo precedente.

In questo modo si è realizzata una sorta di tela di Penelope, tessuta e disfatta in continuazione. Le imprese sono stanche di camminare su un terreno sempre terremotato, i lavoratori sono sempre più confusi. Ma mi chiedo, non sarebbe più conveniente che i governanti lasciassero fare a sindacati e aziende il mestiere che è loro: quello di definire le norme di comportamento del lavoro con accordi contrattuali?

Le norme stabilite da queste inteste hanno avuto sempre vita lunga e stabilità. Infatti lavoratori e imprese, mettendosi d’accordo, scrivono disposizioni perfettamente in equilibrio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.